La dietologa: “Da Natale a Capodanno è normale ingrassare”

La dietologa: “Da Natale a Capodanno è normale ingrassare”

 

Durante le feste di Natale avete mangiato più del solito e adesso i pantaloni faticano ad entrare? Nessun problema, la dieta si inizia subito dopo Capodanno. Consigli utili della dottoressa Carla Lertola, medico chirurgo specialista in Scienze dell’Alimentazione e Dietetica.

La dieta va iniziata senza traumi e senza dover passare dalle abbuffate ad una semplice tisana depurativa o quantità minime di cibo, che non avrebbero altro effetto che aumentare il senso di fame. Inutile saltare i pasti, meglio ridurre le quantità e “non eliminare forzatamente dalla dieta i farinacei a favore della frutta che “illude” con il suo potere saziante”, ha spiegato la dottoressa Lertola al portale Laragnatelanews.it.

La prima colazione non deve mai essere saltata: “Una coppa di yogurt magro cremoso – precisa la dottoressa – con l’aggiunta di una manciata di fiocchi di cereali integrali croccanti e una piccola quantità di frutti rossi, ad esempio chicchi di melograno, mirtilli, lamponi vi farà sentire in pieno clima natalizio ed allontanerà il rischio e la voglia di tuffarsi in una fetta di pandoro o di panettone con crema al mascarpone, una tentazione golosa anche mattutina”. A pranzo potete anche consumare gli avanzi dell’abbuffata del giorno prima, ma in proporzioni ridotte. Aggiungete sempre un piatto di verdure di stagione, come cavolfiori, broccoli, spinaci. A cena ancora verdure da consumare preferibilmente cruda con due cucchiaini di olio.

Inoltre una raccomandazione sempre valida: passeggiare o fare attività fisica, ma senza strafare. “In ultimo, ricordate che la dieta dimagrante – conclude l’esperta – si comincia e si (per)segue da Capodanno a Natale e non viceversa. Questo approccio alla tavola e dunque al cibo, consente di ‘educarsi’ al fatto che il peso in alcuni momenti critici, come quello del Natale e delle feste, può e “deve” oscillare un po’ rispetto al proprio peso forma. Senza drammatizzare o farsene un senso di colpa, mettendo sul ‘piatto della bilancia’ che il cibo resta uno dei migliori piaceri di cui godere e da condividere con gli altri”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post