L’acqua del rubinetto responsabile del 5% di cancro alla vescica

L’acqua del rubinetto responsabile del 5% di cancro alla vescica

di Ivana Tramontano

bere acqua prima di dormire

L’acqua del rubinetto può essere la causa di uno su 20 casi di cancro alla vescica in Europa ogni anno secondo un importante studio.

I ricercatori hanno collegato il bere, la doccia e il bagno a oltre 6.500 casi di malattia in 26 paesi del continente. Stimano che 1.356 diagnosi di cancro alla vescica in Gran Bretagna dal 2005 sono state causate da acqua contaminata, costituendo un quinto di tutti i casi nell’UE. Si ritiene che la causa sia l’esposizione a lungo termine a un gruppo di sostanze chimiche chiamate trialometani (THM).

Le sostanze chimiche, risultate cancerogene negli studi sugli animali, si formano come sottoprodotto indesiderato quando l’acqua viene disinfettata con cloro negli impianti di alimentazione. Oltre ad essere bevuto, il vapore emesso nella doccia può consentire all’acqua del rubinetto di penetrare nei pori delle persone, e così anche periodi prolungati nel bagno. Ricerche precedenti hanno trovato un’associazione tra THM e cancro alla vescica, ma questo è il primo a stimare l’entità del problema.

A circa 10.000 persone vengono diagnosticate ogni anno nel Regno Unito un carcinoma della vescica, rendendola la decima forma più comune della malattia L’ultimo studio stima che il 9% di essi sia causato dall’esposizione all’acqua contaminata da THM. Gli scienziati dell’Istituto di salute globale di Barcellona (ISGlobal) hanno iniziato ad analizzare la presenza di sostanze chimiche nell’acqua potabile in tutti i 28 stati dell’UE tra il 2005 e il 2018. Lo hanno fatto inviando questionari agli organismi responsabili della qualità delle acque nazionali. I dati sono stati ottenuti per 26 paesi, tutti tranne Bulgaria e Romania.

Gli scienziati hanno analizzato i livelli di THM nell’acqua del rubinetto, nella rete di distribuzione e negli impianti di trattamento delle acque. I risultati hanno rivelato notevoli differenze tra i paesi. I livelli medi di THM erano superiori ai livelli legali in nove paesi: Gran Bretagna, Spagna, Portogallo, Polonia, Cipro, Estonia, Ungheria, Irlanda e Italia. L’Unione europea ha affermato che il limite massimo è di 11,7 microgrammi per litro (ug / L). I ricercatori hanno stimato il numero di casi di cancro alla vescica attribuibili utilizzando i tassi di incidenza e i livelli di THM.

L’analisi ha suggerito che Cipro aveva la percentuale più alta, con un quarto delle diagnosi legate alle sostanze chimiche. In totale, i ricercatori hanno stimato che 6.561 casi di cancro alla vescica all’anno sono attribuibili all’esposizione al THM nell’Unione europea. Gli autori dello studio affermano che se i 13 paesi con le massime medie dovessero ridurre i loro livelli di THM alla media UE, si potrebbero evitare 2.868 casi annuali di cancro alla vescica. Il cloroformio è il tipo più famigerato di THM, che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) descrive come “probabilmente cancerogeno per l’uomo”.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post