L’alito cattivo si combatte con lo zenzero

L’alito cattivo si combatte con lo zenzero

Bere il tè allo zenzero potrebbe aiutare le persone a evitare l’alito cattivo. Il gingerolo, la sostanza chimica che conferisce allo zenzero il suo sapore speziato, stimola un enzima in bocca che scompone le sostanze che rendono l’odore cattivo. I composti contenenti zolfo nel cibo possono creare un odore sgradevole nella bocca delle persone, contribuendo all’alitosi. Ma il gingerolo, che può entrare nel corpo mangiando o bevendo la radice, aumenta il livello degli enzimi necessari per eliminare l’odore di 16 volte in pochi secondi. Gli esperti dicono che i risultati potrebbero portare a dentifrici e collutori prodotti con l’ingrediente piccante.

L’alitosi è un fenomeno comune e può essere imbarazzante o diminuire l’autostima delle persone. I ricercatori dell’Università tecnica di Monaco di Baviera in Germania hanno scoperto che lo zenzero potrebbe aiutare quando si studia come il cibo influisce sulle azioni delle molecole nella saliva. Hanno scoperto che i livelli di un enzima chiamato sulfhydryl oxidase 1 sono aumentati di 16 volte pochi secondi dopo l’ingestione di gingerolo. Gli scienziati hanno quindi testato volontari umani per vedere come questo ha influenzato la saliva e il respiro della gente e hanno trovato il respiro della gente migliorato.

Gli enzimi scompongono lo zolfo nella bocca che causa l’odore. Lo stesso processo può sbarazzarsi di retrogusti duraturi da cose come il caffè. “Di conseguenza, anche il nostro alito ha un odore migliore”, ha spiegato il professor Thomas Hofmann, che ha guidato lo studio e ha aggiunto che le aziende che producono prodotti per l’igiene orale potrebbero in futuro imparare dal modo in cui funziona lo zenzero. Ma non è chiaro quanto zenzero una persona avrebbe bisogno di mangiare o bere per ottenere l’effetto desiderato.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post