L’avocado e le mandorle non sono alimenti vegani?

L’avocado e le mandorle non sono alimenti vegani?

L’avocado, le mandorle i kiwi e la zucca potrebbero non essere più adatti ad una dieta vegana. L’agricoltura commerciale di queste verdure, almeno in alcune parti del mondo, spesso comporta l’apicoltura migratoria. In luoghi come la California , non ci sono abbastanza api locali o altri insetti impollinatori per impollinare i massicci mandorleti. Gli alveari vengono trasportati sul retro di grossi camion tra le fattorie e per i vegani più irriducibili bisogna evitare il miele a causa dello sfruttamento delle api. Ciò sembra implicare che i vegani dovrebbero anche evitare gli avocado che comportano lo sfruttamento delle api nella loro produzione.

È giusto? I vegani dovrebbero rinunciare al loro avocado su pane tostato? La rivelazione che gli avocado potrebbero non essere “vegani” potrebbe sembrare una riduzionistica e assurda argomentazione vegan-etica. Alcune persone potrebbero puntare a questo e affermare che coloro che sono vegani ma continuano a consumare avocado (o mandorle e simili) sono ipocriti. In alternativa, questo tipo di notizie potrebbe portare alcune persone a rinunciare ad una dieta vegana ancor prima di iniziare.

Tuttavia, una difesa iniziale per i vegani è che questo è solo un problema per alcuni ortaggi che sono prodotti commercialmente su larga scala e che dipendono dall’apicoltura migratoria. In molti posti questa pratica è ancora non comune. La risposta generale più importante è che indipendentemente dal fatto che l’apicoltura migratoria rappresenti un problema, dipende dalla tua logica etica per essere vegani.

Alcuni vegani hanno una giustificazione non consequenzialista per essere vegani: desiderano evitare di agire immoralmente attraverso la loro dieta. Questo potrebbe essere basato su qualcosa come la regola kantiana di evitare l’uso di un altro essere senziente come mezzo per un fine. Oppure possono avere una visione basata sui diritti, secondo cui gli animali (comprese le api) sono titolari dei diritti. Qualsiasi tipo di violazione dei diritti è sbagliato in questa visione – semplicemente non è eticamente ammissibile utilizzare le api come schiave.

Altri vegani scelgono di non mangiare carne o altri prodotti di origine animale per motivi consequenziali: desiderano minimizzare la sofferenza e l’uccisione degli animali. Questo argomento etico potrebbe anche avere problemi con l’apicoltura migratoria. Mentre la quantità di sofferenza provata da una singola ape è probabilmente piccola, ciò sarebbe amplificato dal numero molto grande di insetti potenzialmente interessati (31 miliardi di api domestiche nei soli frutteti californiani). Un vegano che sceglie di mangiare mandorle o avocado non fa ciò che potrebbe ridurre la sofferenza degli animali.

Tuttavia, una diversa logica (forse più pratica) etica che potrebbe essere alla base della decisione di diventare vegani è il desiderio di ridurre la sofferenza e l’uccisione degli animali e l’impatto ambientale che si ha nella produzione di cibo. L’apicoltura migratoria ha anche effetti ambientali negativi, ad esempio, attraverso la diffusione della malattia e l’effetto sulle popolazioni native di api

In quest’ottica, le scelte alimentari che riducono lo sfruttamento degli animali sono ancora valide anche se si verificasse ancora uno sfruttamento animale. Dopotutto, c’è bisogno di tracciare una linea da qualche parte. Quando facciamo delle scelte sulla nostra dieta, abbiamo bisogno di bilanciare lo sforzo che spendiamo contro l’impatto sulla nostra vita quotidiana. Lo stesso vale quando facciamo delle scelte su quanto dovremmo donare in beneficenza, o quanto impegno dovremmo fare per ridurre il consumo di acqua, l’uso di energia o le emissioni di CO₂.

Una teoria etica su come le risorse dovrebbero essere distribuite viene talvolta chiamata “sufficiarianismo”. In breve, è l’idea che le risorse dovrebbero essere condivise in un modo che non è perfettamente uguale e che non può massimizzare la felicità, ma almeno garantire che tutti abbiano un minimo di base. Adottando un simile approccio “sufficiente” all’etica di evitare i prodotti animali, l’obiettivo non è quello di essere assolutamente vegani, o al massimo vegani, ma di essere sufficientemente vegani – fare lo stesso sforzo possibile per ridurre i danni agli animali per il bene della nostra dieta – potremmo chiamarla dieta “vegetariana”. Per alcune persone ciò potrebbe significare scegliere di evitare gli avocado californiani, ma altri potrebbero trovare il loro equilibrio etico personale in un altro punto. Per di più, accettare e abbracciare tutte queste variazioni può dare spazio a più persone per adottare o sostenere uno stile di vita vegano.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post