Le 5 regole d’oro per consumare la mozzarella

Le 5 regole d’oro per consumare la mozzarella

di Ivana Tramontano

La mozzarella è uno dei vanti della gastronomia italiana, un piatto che viene consumato in media almeno una volta a settimana. Ma per gustarla al meglio ci sono alcune semplici regole da rispettare… A proporre il decalogo del giusto consumo enogastronomico è Sabelli, una storica azienda marchigiana impegnata da quattro generazioni nella produzione di formaggi freschi.

Temperatura ambiente. La mozzarella va consumata a temperatura ambiente. La temperatura ideale è tra i 18 e i 20° C. Se non consumata in giornata, e quindi è necessario metterla in frigo, bisogna tirarla fuori almeno 30 minuti prima di mangiarla.

Senza contorni. La mozzarella va consumata da sola per apprezzare le proprietà organolettiche, senza condimenti né aggiunte.

Il siero. Deve sempre essere immersa nel suo siero fino al momento del consumo. Se avanza è consigliato versare l’acqua della confezione in una ciotola e reimmergere la mozzarella rimasta, coprendola con una pellicola trasparente per alimenti, in modo da conservare il prodotto in frigorifero per altri 2-3 giorni.

Come tagliarla-. La mozzarella non va tagliata, meglio sminuzzarla a mano, soprattutto se dovete preparare insalate, capresi o altre preparazioni a crudo.

Piatti caldi. Nei piatti caldi, la mozzarella deve filare. Per ottenere questo effetto è necessario asciugarla con cura. Dopo aver scolato l’acqua dalla confezione, rimettetela in frigo su un piatto per una decina di minuti. Se preparate la pizza aggiungete la mozzarella quasi a fine cottura, per evitare che diventi gommosa.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post