Le noci possono ridurre il rischio di ictus

Le noci possono ridurre il rischio di ictus

Un ampio studio ha rilevato che le persone che mangiano regolarmente una piccola quantità di noci potrebbero avere un rischio inferiore di sviluppare battito cardiaco irregolare, una delle principali cause di ictus.

La ricerca ha mostrato che mangiare noci almeno tre volte alla settimana era associato a un rischio ridotto del 18% di fibrillazione atriale, una condizione cardiaca spesso percepita come un battito cardiaco irregolare. A quasi 1,3 milioni di persone nel Regno Unito è stata diagnosticata fibrillazione atriale e circa 500.000 persone hanno questa patologia ma non è stata diagnosticata secondo la British Heart Foundation.

I ricercatori, provenienti dal Karolinska Institute svedese, hanno esaminato oltre 60.000 adulti svedesi e seguito il loro consumo di noci e mandorle e la loro salute cardiaca in 17 anni. I risultati hanno inizialmente suggerito che il consumo di noci potrebbe anche essere associato a un rischio ridotto di infarto e ictus.

“Poiché solo una piccola percentuale di questa popolazione aveva un consumo moderato (circa il 5%) o alto (meno del 2%) di noci, anche un piccolo aumento nel consumo di noci potrebbe avere un grande potenziale per portare a una riduzione dell’incidenza della fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca in questa popolazione “, hanno concluso gli autori nel loro studio, che è stato pubblicato sulla rivista Heart.

Inoltre è risaputo che le noci contengono grassi monoinsaturi che non solo aiutano ad abbassare il colesterolo LDL, ma sono anche in grado di aumentare l’elasticità delle arterie, di impedire la formazione di coaguli e ridurre la pressione arteriosa. Tutti fattori che non possono che far bene alla salute del cuore.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post