Le proprietà benefiche dell’albicocca

Le proprietà benefiche dell’albicocca
LA PREPARAZIONE

L’albicocca è un tipico frutto estivo di colore arancione dorato, dalla polpa carnosa e dal gusto soffice e vellutato. Oltre ad essere buono è molto salutare per il nostro organismo grazie alle sue proprietà quasi miracolose dovute alla ricca presenza di sali minerali e vitamine che lo rendono un concentrato di salute da tenere in alta considerazione.

albicocca

Le albicocche sono un frutto presente in tutti i continenti. In Italia lo troviamo da giugno ad agosto, è molto digeribile, ha pochissime calorie e sazia molto facilmente. È una fonte importante di vitamina B1, B2, B3, B9, A e C e sali minerali come potassio, fosforo, sodio, calcio, ferro e zinco.

Tra le principali proprietà benefiche le albicocche sono in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue, contrastando la formazione di placche di colesterolo sulle pareti delle arterie.

Grazie alla quantità di antiossidanti e di vitamina A e C le albicocche aiutano a prevenire i tumori contrastando i radicali liberi. Inoltre contengono beta-carotene, utile per la salute del sistema cardiovascolare e per prevenire molte malattie del cuore, per disintossicare il sangue e per prevenire l’ossidazione del colesterolo.

L’alto contenuto di fibre offre diversi benefici per la salute del nostro organismo, influenzando positivamente il corretto funzionamento del colon, facilitando la digestione, aiutando a bilanciare il metabolismo e a mantenere un peso corporeo nella norma.

Il contenuto di carotenoidi, abbinato alla presenza di vitamina A, rafforza la salute degli occhi e può prevenire alcune malattie come la cataratta e la degenerazione maculare. La dose consigliata è di almeno tre albicocche al giorno.

In più sono molto utili per contrastare l‘anemia grazie al contenuto di ferro e rame, due minerali fondamentali per la formazione di emoglobina. Infine le albicocche hanno anche effetti salutari sulla pelle: l’olio di albicocca allevia i sintomi dell’eczema e della scabbia.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post