L’influenza dura più a lungo per le persone obese

L’influenza dura più a lungo per le persone obese

Le vittime dell’influenza potrebbero essere contagiose per più giorni se sono grasse, poiché perdono il virus più in ritardo. Le persone obese rischiano di diffondere l’influenza in famiglia, amici e estranei fino a due volte in più di quelle di peso normale secondo uno studio statunitense.

Studi precedenti mostrano già che le persone obese hanno un maggior rischio di complicanze influenzali come la polmonite e la morte. Ma nessuno aveva precedentemente misurato se potevano essere contagiosi più a lungo. Lo studio di 1.800 persone su tre stagioni influenzali, condotto dall’Università del Michigan, ha rilevato che adulti obesi con sintomi influenzali portavano il virus dell’influenza A per il 42% in più rispetto a quelli che non erano obesi. Coloro che erano solo lievemente malati o non avevano sintomi, perdevano il virus per più del doppio del tempo.

Mentre i ricercatori hanno ancora bisogno di scoprire se le persone rimangono contagiose in questo periodo, suggerisce che le persone obese corrono il rischio di diffondere l’influenza più a lungo. Ciò può essere dovuto al fatto che l’obesità altera la risposta immunitaria del corpo e causa un’infiammazione cronica, che può consentire a un virus come l’influenza di rimanere in giro più a lungo.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Infectious Diseases, afferma: “L’obesità può giocare un ruolo importante nella trasmissione dell’influenza, specialmente se aumenta la prevalenza dell’obesità e può essere un obiettivo importante per le strategie di intervento e di prevenzione”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post