L’obesità dovrebbe essere classificata come ‘malattia’

L’obesità dovrebbe essere classificata come ‘malattia’

di Ivana Tramontano

L’obesità dovrebbe essere classificata come una malattia perché non sempre è colpa di un paziente che mangia troppo.

Etichettarlo come una condizione cronica, simile all’asma o all’epilessia, potrebbe incoraggiare le persone a farsi avanti per ottenere un trattamento piuttosto che basarsi su diete di moda.

Gli esperti hanno detto che potrebbe essere la chiave per affrontare la crisi dell’obesità, che ha quasi un terzo degli adulti britannici pericolosamente sovrappeso. La ricerca mostra che il peso delle persone è influenzato sia dalla genetica che dal loro ambiente, come l’accessibilità al cibo spazzatura e il luogo in cui vivono.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha considerato l’obesità una malattia dal 1936. Più di 200 variazioni genetiche influenzano il peso, la maggior parte delle quali sono coinvolte nella regolazione dell’appetito e quelle che aumentano il peso sono improbabili da trovare nelle persone magre.

Anche la distribuzione del grasso, che contribuisce al rischio di complicanze metaboliche, è influenzata dai geni, hanno affermato il professor Wilding e la signora Mooney. “Così il peso corporeo, la distribuzione del grasso e il rischio di complicanze sono fortemente influenzati dalla biologia – non è colpa di un individuo se sviluppa l’obesità… La stigmatizzazione dell’obesità lascia i pazienti timorosi di discutere del loro peso e si rivolgono a diete o farmaci non soggetti a prescrizione medica in quanto ritengono che la loro obesità sia di loro esclusiva responsabilità”.

La maggior parte delle persone con obesità finirà per sviluppare complicazioni, come il diabete di tipo 2, il cancro o le malattie cardiache. “Ma se non accettiamo che l’obesità è una malattia, non saremo in grado di arginare l’epidemia,” concludono gli esperti.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post