Magnesio, i segnali che indicano una possibile carenza

La carenza di magnesio è una problematica che colpisce molti soggetti. Ecco i segnali che indicano la presenza di questa condizione.

Carenza magnesio
Carenza magnesio (Foto di Marcus Aurelius da Pexels)

Stanchezza, irritabilità, mancanza di concentrazione. La carenza di magnesio può portare a effetti impattanti sulla quotidianità, tanto che l’organismo può trovarsi in una condizione non solo fastidiosa, ma anche pericolosa.

Questa sostanza svolge infatti un ruolo fondamentale, equilibrando il sistema nervoso, contribuendo a mantenere il ritmo cardiaco nonché ricoprendo una funzione vascolare e incidendo sul metabolismo dei lipidi.

Tutti questi suoi benefici per il corpo, fanno sì che sia imprescindibile assumerlo nelle giuste dosi. In caso di una carenza di questo nutriente si possono percepire possibili sintomi allarmanti che possono minare la salute. Secondo alcune ricerche molti presentano questa condizione: circa il 70% ne avrebbe troppo poco nell’organismo.

Carenza di magnesio: gli indicatori

La mancanza di magnesio può essere scovata se si hanno determinati sintomi. Precisando che è sempre opportuno consultare il proprio medico di fiducia per analizzare la propria situazione, la stanchezza potrebbe essere proprio un’indicatore di questa carenza.

 

Stanchezza
Stanchezza (foto da Pexels)

Se nelle proprie giornate si percepisce spossatezza costanze, mancanza di energie, affaticamento generale, potrebbe essere che nel nostro corpo questo minerale sia scarso. Altro elemento che conferma questa condizione è l’insonnia e i risvegli notturni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > Fare il pieno di magnesio, dove trovarlo in frutta e verdura

Lo stress e gli sbalzi di umore sono altri elementi determinati dall’assenza di questa sostanza, regolatrice del sistema nervoso. Inoltre l’intestino viene rilassato dal magnesio e pertanto una sua mancanza potrebbe comportare problemi al flusso intestinale e criticità nella digestione. Anche la pressione alta e i mioclonie, termine che indica tremori alle palpebre o singhiozzo, sono degli indicatori.

Nel caso si prenda coscienza di aver questa carenza, oltre a rivolgersi a uno specialista, è importante rivedere la propria alimentazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >  Verdure con clorofilla, come possono aiutarci a stare meglio. Benefici per la salute in autunno

Verdura
Verdura (Foto di Jill Wellington da Pixabay)

In particolare è importante puntare su frutta e verdura per fare il pieno di questa importante sostanza, presente negli alimenti con clorofilla, quali insalata e spinaci.