Malattie cardiovascolari, gli alimenti in e out per curare le patologie del cuore

Quali sono gli alimenti consigliati e sconsigliati per chi soffre di queste patologie che rappresentano le principali cause di morte al mondo?

Cuore e arterie in pericolo aliment in e out dettagli
Cuore e arterie in pericolo (Foto di Antonio Corigliano da Pixabay)

Le malattie legate al cuore, vene e arterie sono alcune delle principali cause di morte nel mondo. Tra queste ricordiamo l’angina pectoris, l’ictus cerebrale, l’infarto del miocardio, l’insufficienza renale, malattia vascolare periferica e lo scompenso cardiocircolatorio.

I medici fanno sapere che la causa principale per lo sviluppo di malattie cardiovascolari è la formazione di placche di colesterolo nelle arterie, aspetto legato in parte sia alla genetica, problemi subentrati in tarda età come diabete mellito, dislipidemia, ipertensione arteriosa, obesità o sovrappeso, ma anche all’alimentazione spesso non così controllata che può portare a scompensi molto gravi.

Quali alimenti mangiare in sicurezza per allungare la nostra vita e quali invece evitare per non innescare un brutto circolo vizioso legato al mal funzionamento dei nostri organi vitali?

Alimenti da evitare e quali consumare per la nostra salute di cuore e vene

Ci sono vari alimenti che purificano le arterie, e quindi anche il muscolo del cuore, prevenendo così il rischio di infarto. Piccoli cambiamenti nella dieta possono già ridurre significativamente il rischio di morte precoce o infarto.

Cuore e arterie in pericolo aliment in e out dettagli
Avocado (Foto di Geraldine Dukes da Pixabay)

Alimenti che fanno bene al cuore e alle arterie:

  • Pesce – L’olio del pesce contiene due acidi grassi omega-3 molto importanti, vale a dire EPA e DHA;
  • Noci e frutta secca – Alimenti ad alto contenuto di acidi grassi omega 3;
  • Curcuma – Antiossidante naturale per la buon circolazione sanguigna nelle vene e nelle arterie periferiche abbassando la formazione di placche e quindi la formazione di coaguli;
  • Cannella – Riduce i livelli di colesterolo nel sangue e protegge il sangue dall’ossidazione dannosa;
  • Semi di lino  –  Noti per la loro capacità di ridurre la pressione del sangue e l’infiammazione;
  • Thè verde/ Thè Matcha – Particolarmente ricco di sostanze nutritive, contiene inoltre alti livelli di catechine, fenoli antiossidanti vegetali che ostacolano l’assorbimento del colesterolo durante la digestione;
  • Olio extravergine di oliva – Ricco di acido oleico monoinsaturo è considerato come uno degli oli più sani per la cottura e il condimento del cibo;
  • Avocado – Un suo consumo giornaliero porta ad un miglioramento del colesterolo nel sangue con una riduzione dei trigliceridi e un aumento dell’11% di quello HDL, ovvero il colesterolo “buono”;
  • Melograno – Antiossidante per eccellenza assieme ai mirtilli e lamponi, stimola anche la produzione di ossido nitrico nel sangue che aiuta ad aprire le arterie e regolare la pressione sanguigna;
  • Spinaci – Verdura superfood ricca di fibre, potassio e acido folico che aiutano ad abbassare la pressione sanguigna e a mantenere le arterie pulite;
  • Cereali integrali – Pane integrale, pasta integrale, riso, quinoa, orzo e avena aiutano a regolare i livelli di colesterolo nel sangue, mantenendo le arterie pulite;
  • Spirulina – Alga ricca di acidi grassi essenziali, tra cui l’acido alfa-linolenico e acido grasso omega-3;
  • Cachi – Grandi fonte di fibre, aiutano a diminuire il colesterolo LDL e i trigliceridi nel sangue.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Il tonno in scatola è una miniera d’oro per la nostra salute: contiene una sostanza miracolosa

Alimenti che fanno male al cuore e alle arterie:

  • Conserve di verdure e legumi
  • Pesce inscatolato
  • Troppe proteine animali
  • Salumi e affettati
  • Fritti
  • Energy drink
  • Zuccheri raffinati e dolci
  • Formaggi
  • Sale
  • Alcool
  • Fumo

Praticare inoltre insieme a questa dieta una sana attività fisica e bere molta acqua, almeno due litri. Il consiglio però è sempre quello di evitare forti cause di stress e di affidarsi ad un nutrizionista esperto in caso di dubbi sull’alimentazione da assumere.