Mandorle pralinate

PREPARAZIONE: 5 minuti COTTURA: 20 minuti
Mandorle pralinate: la preparazione

PRESENTAZIONE

Le mandorle pralinate sono uno snack assai delizioso che si trova nelle fiere, nelle feste di paese, sulle bancarelle dei dolciumi, ma che può essere realizzato molto facilmente e velocemente anche in casa. E’ uno di quei dolci che può essere consumato durante tutto l’anno, al pomeriggio o a qualsiasi ora del giorno, che vi farà tornare in mente i tempi spensierati dell’infanzia.

Vengono anche chiamate “addormentasuocere” proprio per indicare che con la loro ammaliante bontà riescono a conquistare chiunque, anche le suocere che, intente a gustare la pralina, staranno zitte! Sono anche una guarnizione ideale e preziosa per decorare torte e dolci.

Se poi volete provare una variante ancor più speciale e saporita potete aggiungere 5 grammi di cacao insieme all’acqua e lo zucchero per un prodotto che saprà stupire ancora di più.

ThinkstockPhotos-181764515

INGREDIENTI

  • 200 gr di mandorle
  • 2 cucchiai di acqua
  • 200 gr di zucchero

PROCEDIMENTO

Prendete le mandorle e mettetele in una padella antiaderente aggiungendo lo zucchero e due cucchiai di acqua. Fate cuocere a fuoco moderato e mescolate di continuo con un cucchiaio di legno. Lo zucchero inizierà prima a sciogliersi, poi a cristallizzarsi e ad attaccarsi alle mandorle.

Mescolate ancora fino a quando lo zucchero non si scioglierà un’altra volta, anche se non del tutto. Continuate a girare con il cucchiaio di legno e pian piano lo zucchero tornerà a cristallizzarsi vicino alle mandorle formando la classica pralinatura. Dopo di che potete spegnere il fuoco, versate le mandorle pralinate in un piatto piano, stendetele in un unico strato utilizzando il cucchiaio di legno e lasciatele raffreddare prima di assaggiarle. Fate molta attenzione perché scottano in maniera incredibile. Dopo di che saranno pronte per essere servite. Potete conservarle dentro un barattolo di vetro sterilizzato e tenuto in un luogo fresco ed asciutto. Buon appetito a tutti e arrivederci alla prossima ricetta su Checucino.it

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post