Mangia pesce crudo e le cresce un verme all’altezza delle tonsille

Mangia pesce crudo e le cresce un verme all’altezza delle tonsille

LA PREPARAZIONE
di Marco

Mangia pesce crudo e dopo qualche giorno sente un dolore strano alla gola: aveva un verme attaccato alle tonsille

pesce crudo verme
Mangia pesce crudo e le cresce un verme all’altezza delle tonsille

Mangia del pesce crudo e dopo un po’ comincia a sentire uno strano dolore all’altezza delle tonsille. Passano 5 giorni e il dolore non va via, così decide di recarsi in ospedale, precisamente al St. Luke’s International Hospital di Tokyo. Ed è lì che i medici hanno fatto questa orribile scoperta: proprio attorno alla tonsille sinistra hanno rinvenuto un verme nero anche abbastanza lungo. Si trattava di uno pseudoterranova azarasi, di una lunghezza di 38 millimetri e una larghezza di 1,5. Insomma, una terribile scoperta che ha allertato subito tutti i medici del Pronto Soccorso.

Mangia pesce crudo, dopo giorni scopre di avere un verme attaccato alle tonsille

Aveva mangiato del “sashimi assortito”, pesce crudo: queste le dichiarazioni della donna una volta arrivata in ospedale. Il caso ha cominciato a diventare virale, passando di corridoio in corridoio fino ad arrivare sul web. Infatti, è la rivista scientifica American Journal of Tropical Medicine and Hygiene a pubblicare lo studio effettuato. Secondo i medici, sarebbe stata proprio quella porzione di pesce crudo a far nascere quel verme all’altezza delle tonsille della giovane 25enne.

E’ stato un evento abbastanza insolito perché, in genere, il parassita si va a depositare infondo allo stomaco. Stavolta, invece, la larva arrivata al quarto stadio si era piazzata proprio all’altezza delle tonsille. Inoltre, va specificato che lo pseudoterranova è un genere di parassita della famiglia dell’Anisakis, che si trova spesso nel pesce crudo. Questo a maggior conferma dello studio portato avanti dai medici. In altri casi di studio, coloro che avevano questo verme, riscontravano un fastidioso formicolìo alla gola. Questa volta, nel caso della ragazza 25enne, si trattava invece di dolore. Uno strano dolore che poi ha rivelato tutto questo. Per fortuna, il caso è stato risolto e non ci sono state conseguenze gravi.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post