Mangiare da soli è causa di infelicità

Mangiare da soli è causa di infelicità

Mangiare da soli è la principale causa di infelicità dopo la malattia mentale, secondo uno studio dell’Oxford Economics e del Centro per la ricerca sociale. Un quarto degli adulti mangia da solo sempre o il più delle volte, spesso a causa di stili di vita frenetici o isolamento sociale e questo ci rende più infelici dei problemi finanziari o delle disabilità fisiche.

Per lo studio, più di 8.000 persone sono state sottoposte a domande che misuravano la felicità, la soddisfazione, l’autostima e l’ansia su una scala di “benessere” da zero a 100, denominata Indice del benessere. Coloro che hanno sempre mangiato da soli hanno ottenuto in media quasi otto punti in meno rispetto a quelli che non l’hanno mai fatto. Quasi un quinto di coloro che vivono da soli ha detto di mangiare da soli tutto il tempo, in particolare quelli che sono single o oberati di lavoro.

La maggior parte dei pensionati, tuttavia, ha affermato di non mangiare mai o solo occasionalmente da soli. Anche una vita sessuale insoddisfacente, privazione del sonno o sensazione di pressione del tempo sono state cause significative di infelicità. Chris Sherwood, responsabile del servizio di consulenza relazionale, ha affermato: “Sappiamo che le relazioni di buona qualità con amici e familiari sono essenziali per il nostro benessere… Mangiare insieme più spesso è un modo semplice per migliorare la tua connessione con gli altri, quindi perché non provarci? Mentre questa analisi suggerisce che mangiare da soli può essere dannoso per il benessere delle persone, le barriere per sedersi a mangiare in gruppi più regolarmente sono molte e complesso”.

Per alcuni, l’incapacità di farlo può essere dovuta in gran parte dall’isolamento sociale e dalla mancanza di connessioni personali. Per altri l’ostacolo potrebbe essere quella di piegare il tempo nel loro stile di vita troppo frenetico. Lo studio ha rilevato che sei persone su dieci single mangiano da sole, rispetto a solo una persona su otto in una relazione. Con più persone che vivono da sole o sono divorziate il fenomeno del mangiare in solitudine è in forte ascesa. C’è bisogno di una maggiore consapevolezza collettiva della solitudine come una malattia grave. Dobbiamo tutti essere alla ricerca l’uno dell’altro”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post