Maxi sequestro dei Nas: tortellini e mortadella con la muffa. Situazione senza precedenti

Intorno a Bologna le forze dell’ordine hanno multato una serie di ristoranti e punti di ristoro dopo aver trovato diversi prodotti alimentari in cattivo stato di conservazione con la muffa.

Nas Bologna controlli punti ristoro autostrada prodotti muffa
Nas Bologna (Foto @ilrestodelcarlino.it)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Le indagini dei Nas continuano tutti i giorni sul territorio nazionale al fine di garantire ai consumatori la totale sicurezza igienico-sanitaria relativa i prodotti acquistati.

Durante alcuni controlli a campione lungo le autostrade A1, A13 e A14 intorno a Bologna, nei gironi scorsi è emersa una situazione decisamente oltre i limiti consentiti.

I controlli si sono indirizzati a campione lungo alcuni ristoranti, bar e punti vendita autostradali del capoluogo di provincia e hanno portato alla luce la presenza di alimenti destinati alla vendita in cattivo stato di conservazione, con addirittura la muffa.

Come ha spiegato Il Resto del Carlino, la situazione peggiore lungo la A14 dove i Nas all’interno di un’attività di ristorazione hanno trovato, “per la successiva somministrazione al pubblico, alcuni quintali di alimenti surgelati (tra pane, panini, brioches ripiene, toast farciti, crema pasticcera, hamburger, pizzette) in cattivo stato di conservazione“.

Ma cosa rischiano ora queste attività? Vediamolo subito.

Bologna, ristoranti multati lungo l’autostrada

I prodotti in questione erano infatti stipati fuori dai frigoriferi, ad una temperatura ambiente di circa 26° (quella che in questi giorni si percepisce durante il primo pomeriggio) e già parzialmente scongelati.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Allerta due cantine famosissime provvedimento NAS
Carabinieri del NAS (Foto da AdobeStock)

Una prassi che va decisamente contro le norme igieniche HACCP che vietano il ricongelamento di alimenti già scongelati.

I Nas hanno quindi svolto la misurazione della temperatura interna degli alimenti tramite apposito termometro digitale e inevitabilmente hanno trovato temperature di molto superiori ai -18° C richieste per garantirne una corretta conservazione.

Sull’A1, invece, le forze dell’ordine hanno trovato in un’area shop, diversi tranci di mortadellatortellini confezionati (circa 100 chili in totale) conservati fuori dai frigoriferi.

Anche in questo caso la misurazione della temperatura interna dei cibi era pari ai +20°C, con evidente formazione di muffe pericolose in alcune confezioni.

Al termine dei controlli tutti i punti vendita analizzati (i loro legali in questo caso) sono stati deferiti per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione.

migliori marche tortellini
Terrina di tortellini (foto Pixabay di ulleo)

Previsto l’immediato sequestro dei prodotti alimentari alterati per cui è già stato previsto lo smaltimento tramite le Ausl competenti di zona. Emesse sanzioni amministrative per un valore complessivo di 5mila euro.