Melograno, “il frutto della medicina”: un toccasana per l’autunno

Melograno, “il frutto della medicina”: un toccasana per l’autunno

Il melograno è un frutto conosciuto sin dall’antichità per le sue proprietà simboliche e terapeutiche. Nella simbologia cristiana il melograno rappresenta l’energia vitale, espressione dell’esuberanza della vita, e significa fecondità, abbondanza, amore ardente, carità, umiltà.

Composto per il 78 % di acqua, l’1,2 % di grassi, 1,8 di proteine, il 4% di fibre, il 13,5 % di zuccheri e lo 0,5 % di ceneri. Ricco di sali minerali come potassio, zinco, rame, fosforo, magnesio, calcio, selenio e sodio. Contiene inoltre le vitamine A, del gruppo B, C, E, K e J, oltre a flavonoidi e antiossidanti di varia natura che gli valgono l’appellativo di frutto della medicina.

Il melograno favorisce la rigenerazione cellulare, contrasta l’azione dei radicali liberi, aiuta a prevenire forme tumorali e mantiene la pelle giovane. Basti pensare che un singolo frutto contiene circa il 48% del fabbisogno quotidiano di vitamina C. Quindi è anche molto utile per aumentare le difese immunitarie in vista dei malanni invernali.

E’ un frutto consigliatissimo anche a chi segue una dieta ipocalorica: 100 grammi dei suoi arilli (chicchi) significa dare al proprio corpo circa 83 calorie. Aiuta persino ad abbassare il colesterolo se consumato quotidianamente e protegge il cuore dalla formazione di placche aterosclerotiche.

Grazie alla presenza di tannino il succo del melograno ha anche proprietà astringenti ed è quindi utile in caso di diarrea. In più è consigliato come antidepressivo in quanto il suo succo stimola i recettori della serotonina. Infine secondo un articolo apparso sul Journal of Urology il succo di melograno  è molto utile nel trattamento della disfunzione erettile.

Il miglior modo per assumere il melograno è berne il succo. La dose consigliata è di un bicchiere da 25 cl al giorno. L’assunzione è assai consigliata anche alle donne che cercano una gravidanza: il succo di melograno è in grado di apportare tutto l’acido folico necessario in questa fase della vita femminile.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post