Menù tradizionale natalizio toscano: la ricetta del cacciucco

La Toscana come ogni altra regione italiana si prepara al Natale imbastendo un menù tipico che varia molto tre le zone di mare e quelle di terra. Quali sono i piatti tipici?

Cacciucco alla livornese ricetta menù natalizio
Cacciucco alla livornese (Pinterest @diabetesfoodhub.com)

Il menù tradizionale di Natale in Toscana varia molto da zona a zona. Ci sono però dei piatti classici che non possono mai mancare nelle tavole dei toscani e che rappresentano le feste con il loro sapore pieno e ricco di convivialità.

Primi tra tutti i crostini con paté di fegatini: si tratta di una bruschetta di pane senza sale (ovviamente) arricchita da fegatini di pollo cotti lentamente con olio novello, cipolla bianca, sedano, carota, vino bianco Sangiovese, capperi e filetti di acciuga. Alcune zone fanno ammollare il pane anche nel brodo anziché tostarlo.

Il menù poi prevede la pasta fatta in casa (tortellini o cappelletti ripieni di carne) cotta in brodo di carne. Di secondo invece arrosto di faraona o pollo servito con patate al forno o verdure di stagione, mentre nelle località di mare rigorosamente è presente il cacciucco, la zuppa di pesce per eccellenza.

Per finire, come dessert, panforte (a base di frutta secca e candita), ricciarelli (con pasta di mandorle e zucchero), cantucci (biscotti con mandorle) il tutto da accompagnare ad un buon Vin Santo.

Ingredienti e preparazione del cacciucco

Tipico di Livorno il cacciucco è mangiato però in tutte le località marittime della regione senza nessuna distinzione, un buon piatto quando è collaudato si tende a replicare anche nelle zone vicine.

Cacciucco alla livornese ricetta menù natalizio
Cantucci (Foto di Ubert by Pixabay)

INGREDIENTI

  • 1 kg uno scorfano
  • 1 kg pomodori
  • 500 g gallinelle di mare
  • 400 g seppie
  • 300 g triglie
  • 300 g pescetti di scoglio
  • 230 g coda di rospo
  • 200 g palombo
  • 200 g moscardini
  • 200 g vino bianco secco
  • 6 grosse fette di pane
  • 6 gamberi rossi
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • Prezzemolo fresco qb.
  • 2 spicchi aglio
  • Peperoncino fresco qb.
  • Olio extravergine qb.
  • Sale e pepe qb.

PREPARAZIONE (circa 100 min)

Sfilettare scorfano, gallinelle e le triglie, sgusciare invece i gamberi. Tenete da parte gusci, teste e lische per dopo. Squamare i filetti e pulire seppie e moscardini.

Tagliare finemente sedano, carota e cipolla e aggiungerli in una padella con dell’olio, far soffriggere un paio di minuti e aggiungere seppie e moscardini tagliati a pezzetti, il vino e 200 g di acqua. Stufare per 20 minuti circa, poi togliere seppie e moscardini e metteteli da parte.

A questo punto unire nella pentola i pomodori, il peperoncino a pezzetti, teste e lische, le triglie e i pescetti di scoglio. Cuocere, allungando con dell’acqua per circa mezz’ora.

Passare al passaverdura o al colino il tutto per eliminare gli scarti e rimettere sul fuoco il sughetto ottenuto. Aggiungete quindi le seppie e i moscardini, poi gli altri pesci a distanza di circa 10 minuti in base alla cottura: gallinelle e i gamberi per ultimi perchè cuoceranno in 5 minuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Casoncelli alla bresciana, la vera ricetta regionale

Cacciucco alla livornese ricetta menù natalizio
Cacciucco (Foto di akiragiulia by Pixabay)

Aggiungere il prezzemolo tritato. Tagliare il pane, abbrustolirlo e spalmarlo con l’aglio crudo prima di impiattare come accompagnamento al piatto di pesce che deve essere servito molto caldo (e senza limone!).