Morto il famosissimo chef, un grande dolore per tutti: ci mancherai

Aveva 72 anni e per oltre quaranta ha guidato il ristorante Il Casale: tra i suoi clienti Fiorello, Anna Falchi e Dario Fo. Amici e parenti lo ricordano con affetto e grandissima stima. 

Maurizio Gambuti morto ristoratore Riccione
Maurizio Gambuti (Facebook)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Lutto nel mondo della ristorazione. Martedì sera 25 ottobre si è spento a 72 anni il titolare dello storico locale di Riccione ‘Il Casale’, attività che aveva aperto nel 1978 e che aveva guidato con la sorella Mariella fino a settembre 2021.

La notizia si è diffusa molto rapidamente prima tramite passaparola e poi sui social dove moltissimi sono i follower che seguono l’attività ancora oggi. La fama del ristoratore con la passione per la cucina andava infatti ben oltre i confini della sua città natale, arrivando anche all’estero.

Tuti lo ricordano come un uomo mite, riservato, ma anche generosissimo e virtuoso con tantissima voglia di fare e imparare sempre nonostante l’età che avanzava rapida.

Negli anni, infatti, Il Casale ha ospitato non solo cene e pranzi familiari, ma anche meeting e congressi, ricevimenti nuziali e battesimi, senza dimenticare pure ritrovi di celebrità del calibro di Rosario Fiorello, Anna Falchi e Dario Fo, di cui troneggiano le foto al muro.

La morte di Maurizio, detto “Bango”, Gambuti lascia un vuoto incredibile nella cittadinanza che si stringe accanto alla famiglia e prega per lei.

Addio Maurizio Gambuti, la sua dipartita lascia un grande vuoto

Gambuti era arrivato a Riccione nel lontano 1978 dove con la sorella Mariella aveva aperto Il Casale. 43 anni di attività svolta insieme, dopo aver lavorato, ancora giovanissimi, nella trattoria della loro mamma, Dalla Nella, a Marciano, e poi l’albergo Risorgimento.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Bango però nonostante la timidezza apparente, ha gestito pure due discoteche: l’Astra Club e il Garden Club a Casinina e a Tavoleto.

L’apertura dell’attività riccionese è stata dovuta a ingenti aiuti economici da parte del dottor Gennari dell’omonima clinica di Morciano, sua parente stretto, che lo ha aiutato a sbrigare tutte le pratiche burocratiche necessarie per dar vita al suo sogno (e quello della sorella).

Il ristoratore ha così ridato vita a una vecchia cascina in abbandono tra i roveti, trasformandola in un ristorante a cinque stelle, attirando fin da subito le famiglie più note della città. I Riccione, i Savioli, i Bartorelli in breve tempo hanno scelto Il Casale come luogo del cuore dove ritirarsi per mangiare.

Una lunga storia di amore e imprenditorialità, terminata a settembre 2021 quando ha ceduto l’attività e si è arreso alla pensione tardiva e gli svaghi della terza età.

Come dicevamo, la scomparsa di Gambuti ha rapidamente fatto il giro della città dopo la comunicazione via social. Tanti i messaggi di chi lo ha conosciuto durante la sua incredibile vita di successi e fatica.

Maurizio è un vero campione d’accoglienza. D’innata simpatia e generosità, avendo come obiettivo principale la massima soddisfazione del cliente“, scrive qualcuno su Facebook.

E ancora: “Chi conosce Riccione chi ha vissuto gli anni d’oro dell’Italia e delle notti Riccionesi non può non essere passato da lui (…). Che splendidi ricordi grazie anche al tuo vino fruttato e a quelle bottiglie di amaro che davi piene e ti tornavano vuote, ma facevi finta di niente e il prezzo era sempre quello. R.I.P Maurizio o per gli amici BANGO grazie 🙏🌺“. 

Anche la sindaca di Riccione Daniela Angelini ha voluto esprimere il suo pensiero cin una nota che commemora la morte di Maurizio.

“Ci sono persone che semplicemente impegnandosi ogni giorno in quello che rappresenta la propria passione finiscono per lasciare un segno indelebile nella memoria della città. Bango, con il suo Casale, insieme alla sorella Mariella, è andato molto oltre, rappresentando un punto di riferimento certo per generazioni di riccionesi e turisti: un valore aggiunto del nostro sistema imprenditoriale. La città di Riccione, piangendone la scomparsa, lo saluta e abbraccia i suoi cari con sentimento di gratitudine”.

Maurizio Gambuti morto ristoratore Riccione
Epigrafe Maurizio Gambuti (Foto dal web)

Maurizio lascia il figlio Alessandro e la moglie Paola. I funerali oggi alle 16 presso la chiesa parrocchiale di Morciano di Romagna.