Non mangiare mai le castagne in questi casi: “Fate massima attenzione”

Siamo certi che tutte le castagne (o in marroni) siano commestibili? Ci sono delle occasioni in cui questo frutto non va assolutamente consumato. Ecco i casi, serve prestare massima attenzione.

Castagne valori nutrizionali proprietà controindicazioni
Cottura delle castagne in padella (Foto di Isa KARAKUS da Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

L’autunno è arrivato e con lui il primo freddo, per fortuna a riscaldarci ci sono le castagne, meglio note come caldarroste preparate sia in padella che al forno.

Si trovano principalmente nelle zone appenniniche dove il freddo non è così intenso, diverse inoltre le varietà presenti e anche più diffise nel nostro territorio peninsulare come le castagne di Marradi, del Mugello Igp e i Marroni della Val di Susa Igp.

Questi frutti non hanno moltissima acqua ma al contempo invece possiedono una grande riserva di carboidrati amidacei, che le rendono un’alternativa (come abbiamo spiegato poche righe sopra) alla pasta, al pane o alle farine più comuni.

Non solo a basso contenuto di grassi ma anche ricche di diversi minerali (potassio, fosforo, magnesio, zinco, rame e manganese) e vitamine, nello specifico quelle del gruppo B, vitamina E, vitamina K.

Inoltre, è senza glutine, quindi, va benissimo anche per gli intolleranti che devono prediligere un’alimentazione controllata.

Abbiamo già visto come poterle sbucciare facilmente seguendo il trucco dello chef stellato Bruno Barbieri, aromatizzandole anche con spezie e alloro. Ma siamo certi che tutte le castagne (o in marroni) siano commestibili?

Ci sono delle occasioni in cui questo frutto non va assolutamente consumato. Ecco i casi.

Castagne e marroni, quando non mangiarle! Occhio alla salute

L’unica AVVERTENZA è una sola! Non sono certo povere in calorie, quindi chi soffre di diabete e colesterolo alto deve limitarsi e mangiarne pochissime e sempre con grande moderazione.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

castagne forno ricetta
Castagne al forno (Pinterest – paolomarzi-blogspot.com)

Le castagne arrosto sono più caloriche rispetto a quelle bollite e questo è dovuto alla presenza di maggiore acqua (in percentuale) in quelle bollite. Vediamolo subito:

  • 100 g di castagne arrostite (193 kcal): carboidrati 41,8 – proteine 3,7 – lipidi 24,4
  • 100 g di castagne bollite (120 kcal): carboidrati 26,1 – proteine 2,5 – lipidi 1,3

Quindi molti carboidrati ma anche al contempo pochissimi grassi, infatti 100 grammi di castagne contengono solo 1,7 gr di grassi, dove quelli presenti sono per la maggior parte polinsaturi (come omega 3 e degli omega 6).

Non male, vero?

Quindi bando alle ciance nella consumazione di questo frutto incredibile, cercate però solo di non esagerare come pre tutti i cibi.

Sempre meglio limitarsi a massimo 40 g al giorno (e ovviamente non tutti i giorni!) che corrisponde a 5-6 pezzi.

intestino infiammato alimenti da evitare
Intestino infiammato (Canva)

Lo ha spiegato anche un recente studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, secondo cui la dose di 40 g di frutta disidratata al giorno è l’alleata perfetta per aiutare il corpo a prevenire varie patologie in particolare quelle del tratto gastrointestinale.