Nuova allerta alimentare, latte ritirato dal mercato: ecco le marche da non consumare

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro precauzionale di ben 12 marche di latte fresco, vediamo la lista nel dettaglio.

Latte ritiro alimentare Ministero dettagli
Latte nel mirino (Foto di congerdesign da Pixabay)

Il lavoro meticoloso e attento del Ministero è indispensabile per preservare la salute dei consumatori relativamente i prodotti presenti negli scaffali dei supermercati. L’ultima segnalazione arriva per ben 12 diversi marchi di latte ritirati dal commercio per “presunta presenza di sostanze inibenti”.

Tra le sostanze inibenti figurano gli antibiotici e tutti quei farmaci ad azione antimicrobica o batteriostatica. Il contenuto di questi prodotti è pericolose per la salute umana se inserito in quantità elevate. Tutti i dettagli sui marchi specifici.

Latte contaminato da antibiotici e farmaci, tutti i marchi ritirati

Il Ministero della Salute ha pubblicato nelle scorse ore direttamente nella sezione ufficiale degli avvisi alimentari, un massiccio ritiro di latte fresco di svariati marchi alimentari.

Latte ritiro alimentare Ministero dettagli
Supermercato (Pixabay)

Il motivo come abbiamo anticipato è dovuto al fatto che alcuni lotti risultano contaminati da farmaci antimicrobi, antibatterici e da antibiotici.

Tra i marchi ritirati dalla massiccia operazione troviamo le seguenti marche: Cadoro Ticonviene, Affresco Alta Levità, Blanc, Io Fvg, Latteria Cividale e Lessinia, Bianco Friuli, Cadoro, Latte Carso, Latteria Coderno, Latte Vivo e per finire Mungi e Bevi.

Oltre a questi marchi, era già previsto il richiamo dagli scaffali dei supermercati del latte fresco pastorizzato parzialmente scremato per lo stesso motivo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Allerta alimentare, nuovi prodotti da forno ritirati dal mercato: richiamo per rischio fisico

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Anche stavolta i consumatori sono altamente invitati a non consumare i prodotti segnalati e a riportarli nei punti vendita di acquisto per il cambio merce immediato anche senza scontrino fiscale come previsto dalla legge.