Nuova allerta alimentare per rischio Salmonella, nel mirino noto formaggio Eurospin

Un fine anno col botto per il Ministero che continua a tracciare i prodotti non conformi alle direttive nazionali e nelle ultime ore ha bloccato un nuovo caso di Salmonella in un formaggio di largo consumo. 

Formaggio ovicaprino marchio ritirato Salmonella
Formaggio ovicaprino (Foto di Engin Akyurt da Pexels)

Nelle ultime ore il Ministero della Salute ha bloccato un nuovo lotto per presenza sospetta di Salmonella all’interno del formaggio ovicaprino in questione a marchio Pascoli Italiani.

La nota recita: “Presenza di Salmonella riscontrata in un campione analizzato in autocontrollo (Eurospin Italia). Si precisa che il prodotto è stato commercializzato soltanto nei punti vendita in Sicilia e Calabria“.

Per chi avesse in casa già il lotto indicato si prega di non consumare ma di riportarlo nel punto vendita per il cambio merce immediato.

Marchio e lotti bloccati, i dettagli del Ministero nella nota pubblicata

Il prodotto oggetto del ritiro ha denominazione “formaggio ovicaprino canestrato primo sale con olive, rucola e peperoncino marchio Pascoli Italiani.

Ritiro lotto Listeria coscia maiale rumeno
Scaffali supermercato (Foto di gui-yong-nian AdobeStock)

Il produttore è Nebrolat Soc. Coop. Agr. con stabilimento in via Ciantro, c/o Centro Mercantine Sicilia Cap. Milazzo, in provincia di Messina.

Il lotto di produzione bloccato con urgenza è il 66 33321 con scadenza 27 giugno 2022, variabile il peso dell’unità di vendita.

Come già specificato nelle altre segnalazioni di prodotti contaminati da Salmonella, anche qui ribadiamo che questo batterio se ingerito può provare problemi al tratto intestinale più o meno gravi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Allerta alimentare, 6 varietà di pasta ritirate dal mercato per rischio fisico

Si va dal semplice vomito, dissenteria, vertigini, capogiri, nausea fino alla febbre alta e svenimento. In questi casi è sempre meglio avvertire il proprio medico di base che suggerirà cosa fare.