Nuova speranza per chef Palumbo, la cura contro la Sla sempre più vicina: “Ci ho sempre creduto”

Lo chef 25enne di Oristano sui social ha dato un messaggio di speranza a tutti quelli che da anni lo seguono, sembra che la sua agonia abbia i giorni contati! 

Paolo Palumbo Sla nuovo farmaco cura malattia
Sla sintomi cervello (Pinterest)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Molti ricorderanno che nel 2020 Paolo Palumbo era salito sul palco del “Festival di Sanremo” per presentare ‘Io sono Paolo’. Il brano inedito musicato da Cabras Andrea Cutri e cantato dal rapper Cristian Pintus, in arte Kumalibre.

Solo un mese fa avevamo parlato di lui e delle terribili sofferenze che la sua famiglia stava passando per colpa del caro bollette che rischiava di compromettere le cure quotidiane a cui Paolo è costretto ormai da 6 anni, ovvero da quanto è stato colpito dalla Sla ed è perennemente attaccato ai macchinari che lo tengono in vita.

All’epoca lo chef aveva manifestato sui social tutta la sua tristezza nel constatare che le istituzioni non veniva incontro neppure ai malati gravi che come lui faticavano per condurre una vita il più possibile normale.

Paolo sognava di fare lo chef e ci spera ancora, forse dopo tanta agognata speranza verso un futuro migliore il suo domani potrebbe prendere una nuova e diversa strada. Ecco che cosa ha svelato poche ore fa sui social il ragazzo.

Paolo Palumbo spera in grande, nuovo futuro per lui senza Sla

Nonostante la malattia lui è attivissimo sui social dove conta circa 100mila follower con cui comunica quotidianamente aggiornandoli sul suo stato di salute e le novità terapeutiche relative la Sal.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Lo ha fatto anche ieri dando l’annuncio che in molto speravano:

VOGLIO GUARIRE! La notizia sensazionale della cura che è stata trovata per la SLA ha letteralmente sconvolto tutti… Come sapete io ci ho sempre creduto, l’ho sempre detto. Senza dubbio sarà un percorso lungo, faticoso e per niente facile, ma dopo 6 anni di battaglia e sofferenza io, personalmente, per guarire sono pronto a tutto.

Termina il lungo post con un messaggio di speranza: “Niente è impossibile, mai perdere la speranza. VIVA LA VITA!“.

La notizia è arrivata dal Centro Umberto Veronesi che ha fatto sapere che l’utilizzo di tofersen, molecola capace di stobloccare l’attività anomala di SOD1, si è dimostrato incredibile nel bloccare la malattia.

Questa molecola, infatti, pare ridurre le quantità di proteine tossiche che causano la malattia, anche se al momento, anche se il farmaco è stato approvato, saranno necessarie altri test prima di usarlo in maniera diffusa nei malati.

Paolo Palumbo chiede aiuto contro caro bollette intervista Corriere
Paolo Palumbo (Instagram)

Un risultato importante che apre scenari e prospettive migliori per tutti quelli che come Paolo sperano da tempo di condurre una vita migliore senza l’uso di macchinari e medicine. L’evoluzione scientifica speriamo faccia il suo corso nel minor tempo possibile.