Olio di origano nei succhi di frutta, il motivo è incredibile!

L’industria alimentare ha sviluppato un metodo innovativo per la pastorizzazione di certi alimenti, vediamo subito di che cosa si tratta. Non crederete alle vostre orecchie!

Origano sul davanzale: trucchetto infallibile
Origano secco (Foto di Tara Winstead da Pexels)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Se ne parla poco rispetto la variante secca, ma anche l’olio di origano è un alimento che andrebbe tenuto in casa per moltissime occasioni viste le sue incredibili proprietà benefiche per l’organismo (e non solo per aromatizzare la pizza o il pesce).

Ovviamente parliamo dell’olio come essenza e non quello casalingo che non possiede altro se non l’aroma tanto amato da grandi e piccini.

Ricco di fenoli, l’origano presenta buone quantità di sali minerali, tra cui ferro, calcio, manganese e potassio che lo rendono un integratore naturale. Sono poi presenti vitamine dei gruppi A, C, D, B, E e K.

L’olio però ha anche proprietà che spesso non sono note ai più, vediamole subito:

  • Utile contro asma o bronchite cronica (inalazioni e fumetti), aiuta a liberare le vie respiratorie;
  • Assunto con regolarità stimola la digestione consentendo la secrezione dei succhi gastrici;
  • Nel beauty purifica la pelle e se massaggiato quotidianamente contrasta gli inestetismi della cellulite;
  • Purifica gli ambienti della casa inserito nei profumatori;
  • Analgesico e antalgico contro il mal di denti o le gengive irritate;
  • Infine, è anche un ottimo antimicotico e antibiotico naturale (soprattutto nelle infezioni batteriche urinafrie).

Quest’ultimo punto in particolare è il motivo per cui recentemente questo olio è stato inserito anche all’interno di moltissimi prodotti alimentari, in particolare nei succhi di frutta. Vediamo subito il motivo.

Olio di origano nei succhi di frutta, contro batteri e microbi

Gli alimenti lavorati dall’industria, in particolari quelli che richiedono impegnativi processi di pastorizzazione, spesso possono essere intaccati lungo le varie fasi di realizzazione, da batteri e microbi che ne mettono a rischio la salubrità stessa.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Olio di origano proprietà salute
Olio di origano (@ilmondodelledonne.net)

Usare quindi l’olio di origano all’interno dei processi di pastorizzazione, ad esempio, dei succhi di frutta (ma anche dei dadi alimentari, oppure di salse e composte), consente di limitare enormemente il pericolo di formazione di microbi (in particolare l’Escherichia coli).

Come spiega GreenMe nel proprio sito web, l’olio blocca la proliferazione batterica già a 65° C:

L’olio di origano è estremamente idrofobico (respinge l’acqua), una capacità che gli permette di penetrare la barriera cellulare dei microbi e interferire con il loro ciclo vitale, rendendo molto complessa la riproduzione.

Si tratta di una scoperta recente, che è stata appurata e studiata da ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, che ha così brevettato l’uso dell’olio di origano come aiuto importante per la sterilizzazione dei succhi di frutta.

Succhi frutta: quali consumare
Succhi frutta (Foto di Pexels)

Questa scoperta ha il doppio vantaggio che non solo limita drasticamente i costi industriali che finora avevano adoperato escamotage e additivi molto costosi per bloccare la proliferazione batterica, ma anche di mantenere intatte le proprietà organolettiche e nutritive degli alimenti.