Pandoro o panettone? Qual è la differenza tra le due icone del Natale

È il dilemma di ogni anno: è può buono il panettone o il pandoro? Scegliere è difficile, ognuno ha i propri gusti. Ma quali sono le differenze tra i due dolci simbolo del Natale?

pandoro o panettone
Pandoro e Panettone (holga_bertini Instagram)

Ogni anno a Natale si consumano le più dure battaglie famigliari in fatto di cucina; da una parte i sostenitori del Panettone, puro senza modifiche con canditi e uva passa, dall’altra quelli del Pandoro, anche questo puro senza varianti.

Qual è il più buono dei due dolci simbolo del Natale? Non c’è, né ci può essere una risposta definitiva, sta tutto nei gusti dei singoli individui.

Quello che si può invece elencare sono le differenze tra Pandoro e Panettone, che non vuol dire solo parlare degli ingredienti diversi utilizzati o delle tecniche di preparazione, ma anche della storia di questi due dolci.

Storie e tradizioni culinarie; le differenze tra pandoro e panettone

Pandoro vs Panettone; due storie culturali e culinarie diverse, ma tutte italiane.

pandoro
Pandoro artigianale (foto Instagram di trasentieriefornelli)

L’origine del Pandoro è riconducibile alla città di Verona tra il 1500 e il 1600, durante il periodo del rinascimento veneziano. Fu però brevettato da Domenico Melegatti solo nella seconda metà del 1800, quando il maestro dolciario propose la classica stella a 8 punte.

Per rintracciare il Panettone di deve, invece, tornare ancora più indietro nel tempo e arrivare all’epoca di Lodovico Il Moro. Il dolce sembra, infatti, derivi dal “Pan dei Toni”, dove il Toni sarebbe un garzone della corte di Lodovico; il giovane improvvisando un pane condito con della frutta secca avrebbe dato origine al panettone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Roccocò, la ricetta dei dolci tipici della tradizione natalizia napoletana

La differenza più evidente tra Pandoro e Panettone è sicuramente la forma: stellato il primo, a cupola il secondo.

Per quanto riguarda gli ingredienti, si tratta di materie prime semplici e abbastanza simili nell’uno e nell’altro caso, ovviamente il panettone ha i canditi che il pandoro non ha, così come quest’ultimo prevede la spolverata di zucchero al velo che al primo non è ammessa.

panettone
Panettone (foto da Unsplash di jennifer-pallian)

Entrambi gli impasti, infine, prevedono l’utilizzo del lievito madre, uova, burro, farina con l’aggiunta di latte e canditi per il panettone. Hanno entrambi una lavorazione molto lunga.

E voi cosa preferite?