Panettone e Pandoro la truffa è stata servita | Sono finiti in moltissime tavole

Si sta diffondendo a macchia d’olio la notizia secondo cui molti Panettoni e Pandoro serviti sulle tavole del Natale in Italia non erano artigianali ma bensì industriali. Ecco in cosa consiste quella che è stata definita “La truffa di Babbo Natale“.

Carabinieri Nas maxi sequestro alimenti Emilia e Lazio dettagli
Carabinieri Nas (Foto Instagram @haccpsystemgroup)

Natale amaro per moltissimi consumatori che avevano acquistato per Natale un pregiato Panettone o Pandoro pensando fosse artigianale, mentre invece si è rivelato essere niente di meno che un prodotto industriale a sua volta comprato dalle piccole aziende dolciarie e spacciato come di laboratorio.

Lo ha scoperto il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, con il supporto del nostro Ministero della Salute, che in questi giorni a cavallo delle feste di fine anno ha intensificato i controlli su tutta la Penisola con il conseguente sequestro di ben 1.775 finti Panettoni e Pandoro “artigianali”.

Le aziende acquistavano all’ingrosso i prodotti e poi li rimpacchettavano spacciandoli per artigianali, molte volte venduti anche senza etichettatura identificativa relativa ingredienti e origine.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

Panettoni e Pandoro spacciati per artigianali, ma erano industriali

I numeri di questo maxi sequestro nazionale sono spaventosi: si parla secondo le stime fornite dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute di 7,5 tonnellate di prodotti dolciari tolti dal mercato, con quasi 2mila tra Panettoni e Pandori.

Panettone confezionato pellicola
Panettone confezionato (Foto Victor Santos AdobeStock)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Friggendo hai unto il muro o il pavimento? | Arriva il rimedio bomba 

All’attivo sono stati sanzionati 37 gestori di piccoli e medi laboratori con l’accusa di “frode in commercio e detenzione di Panettoni senza indicazioni sulla effettiva origine“.

Ad altri 231 sono state invece contestate violazioni per carenze igienico sanitarie dei laboratori nonché per “mancata applicazione delle procedute preventive di sicurezza alimentare“. Il Comando ha anche emesso 16 provvedimenti di chiusura o sospensione dell’attività di produzione e vendita.

NON PERDERTI ANCHE –> Il caffè avanzato si può riscaldare? Pro e contro. Facciamo chiarezza una volta per tutte

Come si legge nella nota pubblica emessa sul sito del Ministero, “Gli accertamenti, estesi alle fasi di produzione, distribuzione e vendita al dettaglio sia a livello artigianale che industriale, hanno rilevato irregolarità presso 229 strutture (pari al 26% dei siti controllati), che hanno portato alla contestazione di oltre 530 violazioni penali ed amministrative, per un ammontare di oltre 365 mila euro di sanzioni pecuniarie“.

Panettone: i trucchi per riconoscere quello di qualità | Sono facilissimi e veloci
Tagliare il Panettone (Foto di kleberpicui AdobeStock)

Nello specifico sono state riscontrate maggiori irregolarità dai Nas di Alessandria, Cremona, Perugia, Catanzaro, Napoli, Caserta, Livorno, Latina e Palermo.