Parmigiano vegano fatto in casa, la vera scoperta in cucina

Questo formaggio non ha niente a che vedere con l’originale ma per comodità viene chiamato così e l’ide è davvero originale.

Finto Parmigiano vegano ricetta
Parmigiano vegano (Pinterest)

Si sa che spesso dobbiamo ingannare la vista piuttosto che il palato. Questo parmigiano vegano ad esempio non ha niente a che vedere con l’originale ma per comodità viene chiamato così e l’idea è davvero originale.

In commercio ci sono varie preparazioni diverse di questa ricetta, chi prepara il parmigiano vegano con gli anacardi, altri con le mandorle, altri ancora con i semi di girasole.

Senza latticini, grassi saturi e con molto meno sale di quello vero, questo finto formaggio può essere spolverato sopra ad un bel piatto di pasta, nelle lasagne, su polenta, risotto o dove preferite. Si conserva bene in frigorifero, messo in un contenitore a chiusura ermetica può resistere anche una settimana.

Ingredienti e preparazione del parmigiano vegano senza latte

Il parmigiano vegano che andremmo a preparare è composto da mandorle e lievito alimentare, niente di più. La proporzione è 1:1 quindi è possibile aumentare e diminuire le dosi in base alle vostre necessità.

Finto Parmigiano vegano ricetta
Parmigiano vegano con gli arachidi (Pinterest)

INGREDIENTI

300 g di mandorle pelate
300 g di lievito alimentare

In alternativa se si vuole usare anche la salsa di soia cambiano le proporzioni:

300 g mandorle senza buccia
cucchiai salsa di soia (oppure 30 g di pomodori secchi)
cucchiai lievito alimentare in scaglie

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Acquacotta, la ricetta originale della zuppa della Maremma

PREPARAZIONE

Mettere tutti e due gli ingredienti in un mixer da cucina e frullare fino a ottenere una polvere. Potete anche utilizzare delle mandorle con la buccia, il sapore in tal caso sarà più intenso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Foodid 🍔 (@foodid19)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Tagliolini cremosi al limone con basilico e zafferano, da leccarsi i baffi!