Parto cesareo: neonati più soggetti alle allergie alimentari

Parto cesareo: neonati più soggetti alle allergie alimentari

La ricerca ha rilevato che i bambini nati da parto cesareo affrontano un rischio maggiore del 21% di sviluppare un’allergia alimentare. Gli scienziati svedesi credono che i bambini nati vaginalmente abbiano diversi ceppi di batteri intestinali che potrebbero proteggerli dalle allergie.

I pediatri hanno ora chiesto che le future mamme vengano informate del rischio potenziale, se scelgono di avere un parto cesareo. Le allergie alimentari, quando il sistema immunitario scambia le proteine ​​nel cibo come una minaccia, possono essere mortali se qualcuno subisce uno shock anafilattico.

I ricercatori dell’Università di Örebro e del Karolinska Institutet di Stoccolma hanno condotto lo studio, che ha monitorato i bambini per 13 anni. Diversi studi hanno scoperto risultati simili, mentre gli scienziati cercano di capire perché le allergie alimentari nei bambini sono in aumento. I dati dello scorso anno hanno suggerito che il numero di allergie alle arachidi nei bambini è aumentato del 21% dal 2010 negli Stati Uniti.

Ma questo studio, pubblicato sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, è il primo a individuare un collegamento tra parto cesareo e allergie alimentari. Il dott. Jonas Ludvigsson, coautore dello studio, ha dichiarato: “Riteniamo che i bambini nati con taglio cesareo abbiano una flora batterica diversa da quella dei bambini con trasporto vaginale”. Ha aggiunto che questo potrebbe “avere un impatto sul rischio di sviluppare allergie alimentari”, di cui le più comuni sono contro i molluschi e le arachidi.

Si pensa che i tipi e le quantità di batteri intestinali portino anche l’obesità, le malattie digestive e persino i disturbi autoimmuni come l’asma. Il dott. Niki Mitselou, autore dello studio, ha aggiunto: “È importante che le future mamme e i medici siano consapevoli dei rischi associati ai cesarei sia a breve che a lungo termine”. Ha detto che questi rischi dovrebbero essere presi in considerazione per i cesarei programmati, soprattutto per le future mamme che lo possono chiedere se temono un parto doloroso. Tuttavia, il dott. Mitselou ha accettato che ci sono, ovviamente, situazioni in cui un cesareo di emergenza è “assolutamente necessario”.

Tuttavia, i bambini nati prematuramente avevano un rischio inferiore del 26% di sviluppare un’allergia alimentare, rispetto a quelli nati a termine. Il dott. Ludvigsson ha dichiarato: “Riteniamo che il rischio più basso potrebbe essere dovuto a una diversa introduzione di cibo per neonati molto pretermine rispetto ad altri bambini”. Tuttavia, ha aggiunto, i ricercatori ritengono che potrebbero esserci una serie di altri fattori relativi all’assistenza neonatale che potrebbero proteggere dalle allergie alimentari.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post