Pasta con l’aragosta

PREPARAZIONE: 20 minuti COTTURA: 45 minuti
Pasta con l’aragosta: la preparazione

PRESENTAZIONE

La pasta con l’aragosta è un primo piatto succulento, da veri intenditori, che richiede poco tempo per la realizzazione ma un certo dispendio economico (potete comprare le aragoste surgelate per attutire i costi).

Oltre ad essere una fonte sana di proteine, l’aragosta è una buona fonte di vitamine e sali minerali, ha un alto contenuto di vitamina B12, di rame, di fosforo e di selenio. Ha un bassissimo contenuto di grassi e fornisce solo 1 g di carboidrati a porzione, rendendo l’aragosta una scelta eccellente per qualsiasi dieta sana e leggera.

L’aragosta contiene Omega 3, indispensabile per ridurre il rischio di problemi cardiovascolari, ma è sconsigliata per chi soffre di livelli di colesterolo troppo alti. Ovviamente se non mangiate spesso crostacei una volta ogni tanto non può che fare bene…

ThinkstockPhotos-486932037

INGREDIENTI

  • 4 aragoste
  • 1 l di passata di pomodoro
  • 400 gr di spaghetti
  • Una cipolla
  • Vino bianco q.b.
  • 4 spicchi d’aglio
  • Sale e pepe q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Prezzemolo q.b

PROCEDIMENTO

In acqua calda e ben salata fate sbollentare le due aragoste. Lasciate intiepidire e tagliate a metà entrambe le aragoste. Mettete da parte due metà, le altre due svuotatele in una ciotola.

Mettete dell’olio in una pentola, fate soffriggere la cipolla tagliata a fettine molto sottili insieme all’aglio, dopo di che aggiungete la polpa di aragosta, un po’ di vino bianco secco e lasciate evaporare. Aggiungete la passata di pomodoro, il sale e il pepe quanto basta e aspettate che la salsa sia ristretta. A questo punto mettete in pentola anche le altre due metà aragoste in modo da insaporire ulteriormente la salsa.

Cuocete la pasta al dente, togliete le due metà aragoste e mettetele da parte. Versate la pasta nella padella (a fuoco spento), addizionate del prezzemolo tritato finemente e mettete nei piatti, mettendo al centro una metà aragosta messa da parte. In questo modo avrete occasione di mangiare primo e secondo in un solo piatto. Buon appetito e arrivederci alla prossima ricetta su Checucino.it

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post