La pasta frolla e i tre metodi di preparazione, scopriamo le differenze

La pasta frolla, la famosissima base per biscotti e crostate, ha più metodi di preparazione. Sono tre, sono diversi con risultati che portano a dolci ben diversi.

pasta frolla bianca
Pasta frolla (foto di Hans da Pixabay)

La si fa al cacao, pistacchio e perché no anche alla liquirizia. La pasta frolla è un impasto versatile, base di numerosissime torte e biscotti. La sua preparazione prevede diversi metodi a seconda del risultato di cui abbiamo bisogno.

Si parte da quello classico: zuccero, burro freddo, aromi, sale e poi uova e farina. Si ottiene impastando in planetaria (con foglia, ndr) o a mano seguendo l’ordine sopra scritto. Questo metodo non necessità di molta lavorazione.

Si ottiene un panetto compatto che bisogna far riposare in frigo per almeno mezz’ora. Un piccolo trucco da ricordare per questa preparazione è che: maggiore è la quantità di burro più friabile è la frolla. Viceversa, più zucchero equivale a più croccantezza.

La frolla classica è quella ideale per i biscotti.

Non solo classica: la frolla si fa anche sabbiata o montata

Si diceva, quindi, che la pasta frolla ha altri metodi di preparazione, anche molto comuni; stiamo parlando del metodo sabbiato e quello montato.

pasta frolla
Biscotti di pasta frolla

Con il metodo sabbiato si procede con la preparazione attraverso un frullatore o in planetaria sempre con la foglia. Come lascia immaginare il termine il risultato in questo caso non è quello di un composto compatto, ma appunto friabile ma anche più consistente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Torta di mele con crema alla ricotta: la ricetta golosa che vi farà impazzire

Con questa preparazione, infatti, le particelle di farina sono avvolte di grasso rendendole impenetrabili. Procedimento? Si parte da burro freddo, farina, sale e aromi, poi aggiunge lo zucchero e infine le uova.

pasta frolla
Farina e uova (foto di elle-hughes da Unsplash)

Infine, il metodo montato; in questo caso è preferibile usare lo sbattitore elettrico ma se volete prepararla nella planetaria allora servirà la frusta. Con questa tecnica la frolla sarà più ricca di aria, il risultato è un comporto morbido da usare subito con la sac à poche per creare biscotti.

Per il procedimento: si lavora zucchero con burro morbido, aromi e sale. In seguito si aggiungono tuorli e solo alla fine la farina.