Per fare la pastiera è indispensabile questo ingrediente: scopri la vera ricetta

Dolce tra i più tipici del periodo pasquale, la pastiera napoletana per essere perfetta deve avere un ingrediente imprescindibile. Ecco la ricetta originale.

pastiera ricetta
Pastiera napoletana (foto di FukManu daAdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

  1. La pizza di spaghetti, chef Cannavacciuolo svela il suo segreto
  2. Uova in Purgatorio, il piatto napoletano veloce ed economico: con 2 euro fai una bontà!
  3. Non vuoi ingrassare a Pasqua? Per te un esempio di menù ligth ma con gusto

La pastiera è un dolce simbolo, non può mancare nelle tavole di chi ama il gusto classico e pieno di una torta intramontabile.

Ma per farla bene bisogna che sia come vuole la tradizione, seguendo la ricetta originale e usando gli ingredienti imprescindibili perché sia una pastiera tipica.

La pastiera è napoletana, ma conosciuta e apprezzata in tutta Italia ed è tra quei dolci che si usa preparare in casa oltre che comprare in pasticceria.

Come tutte le ricette tradizionali ci sono numerose piccole varianti, in base alla zona e ai gusti personali, ma quella classica, è un guscio di pasta frolla che dentro ha un ripieno di grano cotto e ricotta con un’aromatizzazione che la caratterizza e che non può mancare.

Si tratta dell‘acqua di fiori d’arancio, l’ingrediente davvero indispensabile che profuma ed è il segno distintivo della pastiera.

Ricorda la primavera e l’atmosfera mediterranea delle località in cui è nata, è un aroma delicato ma persistente insostituibile per questa preparazione.

Vediamo allora la ricetta della pastiera nella sua versione originale, classica, con cui non si può mai sbagliare.

Ingredienti e preparazione della pastiera napoletana

Altro ingrediente importantissimo è il grano cotto. Se non si vuole acquistarlo già pronto si può fare in casa in modo semplice, serve solo un pò di pazienza. Inoltre per tutti gli allergici al glutine, c’è la pastiera gluten free, buona e profumata come l’originale.

fiori arancio ricetta pastiera
Fiori d’arancio (foto di Antonio Gravante da AdobeStock)

INGREDIENTI

  • Pasta frolla (per uno stampo da crostata)
  • 250 g di grano precotto
  • 150 ml di latte
  • Scorza di 1 limone
  • 20 g di burro
  • 400 g di ricotta di pecora
  • 180 g di zucchero semolato
  • 3 tuorli d’uovo
  • 2 albumi d’uovo
  • Acqua di fiori d’arancio q.b.
  • 100 g di scorza d’arancia candita
  • 1 cucchiaio di scorza di arancia grattugiata
  • 1/2 cucchiaino di cannella

PREPARAZIONE (2 h circa)

La prima cosa da fare è preparare la base di pasta frolla. Poi, nel frattempo, mentre la pasta riposa, preparare il ripieno.

In un pentolino mettere il grano precotto con il latte e il burro. Aggiungere anche la scorza del limone tagliata a pezzi grandi, avendo cura di eliminare la parte bianca.

Lasciar cuocere per 20 minuti circa a fuoco medio basso mescolando spesso. Il risultato dovrà essere una crema. Eliminare la scorza di limone e far raffreddare.

A parte, montare gli albumi con le fruste elettriche aggiungendo un pizzico di sale.

In un’altra ciotola setacciare la ricotta per eliminare il latte in eccesso e unire lo zucchero, la scorza grattugiata dell’arancia, le scorzette candite, e i tuorli.

Amalgamare bene e a questo punto aggiungere anche la crema di grano e miscelare le due creme in un unico composto che dovrà essere omogeneo.

Se si vuole un effetto più liscio si può scegliere di frullare con un frullatore ad immersione. Infine incorporare anche gli albumi montati e la cannella.

Dopo il tempo di riposo della pasta frolla stenderla, tenendo da parte un pò per fare le strisce decorative e rivestire lo stampo.

Bucherellare il fondo con una forchetta e inserire il ripieno. Realizzare delle strisce decorative e fare la classica griglia in superficie.

Quindi infornare in forno preriscaldato e cuocere in modalità statica a 170° per 1 ora circa.

È meglio mettere la pastiera nella parte bassa del forno in modo che non si bruci la parte superiore cremosa.

preparare pastiera ricetta
Preparare la pastiera (foto di Saul Goodman da AdobeStock)

Dovrà assumere un colore ambrato scuro. Poi, dopo averla sfornata lasciare che si compatti bene ed è consigliato consumarla il giorno dopo.