Pastilla, l’antipasto marocchino perfetto per cena. La ricetta passo dopo passo

Per sperimentarsi ai fornelli e portare un antipasto dal sapore esotico in tavola, la Pastilla è la ricetta ideale. Golosissima, ecco come realizzarla passo passo.

Pastilla: la ricetta
Pastilla (Foto da Pixabay di Chefmouhcine)

Emblema della tradizione marocchina, la Pastilla è un antipasto tradizionale. Le sue origini risalgono alla Spagna islamica ed è creato con la carne di piccione: vista la sua difficoltà nel reperirla è spesso ricreata con il pollo.

Si tratta di una sorta di sformato che viene servito da usanza come antipasto nell’ambito di pasti importanti ed eventi significativa. La sua particolarità risiede nel fatto che mischia sapori salati e dolci, dando vita a un risultato unico nel suo genere.

La sua preparazione è molto lunga, ma dà vita a una bontà travolgente con cui stupire i commensali e portare in tavola un piatto dal sapore esotico.

Pastilla: la ricetta step bye step

Tra innumerevoli ingredienti e molti passaggi, la Pastilla è frutto di una ricetta complessa da affrontare seguendo passo passo tutto quello che è necessario per realizzare questa bontà.

cosce e sovracosce pollo
Cosce pollo (Foto di Yulia Furman AdobeStock)

INGREDIENTI

  •  500 g cosce di pollo disossate
  • 250 g pasta fillo
  • 2 uova
  • 2 cipolle
  • 1 ciuffo prezzemolo
  • 2 spicchi aglio
  • 1 cucchiaino cannella in polvere
  • 1 bustina zafferano
  • 10 g acqua ai fiori d’arancio
  • 60 g burro
  • 100 g mandorle
  • sale q.b.
  • 1 cucchiaio zucchero
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • 1 cucchiaino di paprika
  • 1 cucchiaino di zenzero fresco tritato
  • zucchero a velo q.b.
  • paprika 1 cucchiaino

PROCEDIMENTO (circa 2 ore e 30 min)

Si parte facendo scaldare un filo l’olio in padella per poi aggiungere le cosce di polo disossato, facendo rosolare tutti lati. Una volta dorate si rimuovono e nella padella si aggiungono le cipolle affettate da cuocere a fiamma bassa per 15 minuti.

Di seguito si unisce zenzero, aglio, coriandolo, zafferano, paprika e acqua ai fiori di arancio creando un composto uniforme da mischiare al pollo.

Questo va posto nella padella con acqua calda, da salare, aggiungendo anche il prezzemolo, lasciando cuocere per un’ora girando di tanto in tanto il pollo. Assorbita tutta l’acqua, si toglie e si taglia a strisce da far raffreddare.

Di seguito si prende una ciotola e si sbattono le uova unendole alla cipolla cotte prima in padella. Nel mentre si fanno rosolare in un’altra padella le mandorle e poi nella stessa si pone lo zucchero per farlo caramellato. Si rimettono le mandorle per amalgamarle con lo zucchero e di seguito tritarle.

Si fonde poi il burro e si sparge in una teglia, di circa 20 cm di diametro, foderandola con un foglio di pasta fillo accertandosi che esca dai bordi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > Stufato di Marrakesh ceci e melanzane, profumo di Marocco in tavola

Mandorle
Mandorle (Foto di Steve Buissinne da Pixabay)

Sopra va versato il composto di cipolla e di seguito il pollo sopra il quale si pongono metà mandorle. Sopra si aggiunge il composto creato con le uova e poi le mandorle rimaste per poi coprire con gli altri fogli di pasta ripiegando i lembi in modo da creare una torta coperta da cuocere in forno per mezz’ora a 185 gradi.

Una volta pronta si sforna e si aggiunge lo zucchero a velo e un cucchiaio di cannella: si rimette nel forno per pochi minuti per far sì che si caramelli. Tirata fuori si lascia raffreddare per una decina di minuti e si aggiungono i ciuffi di prezzemolo.