Pate à bombe

PREPARAZIONE: 5 minuti COTTURA: 10 minuti
Pate à bombe: la preparazione

PRESENTAZIONE

La pate à bombe è la base semifreddo o base tiramisù pastorizzata, che viene preparata montando i tuorli e aggiungendo lo stesso sciroppo della meringa italiana. Viene utilizzato in cucina per realizzare semifreddi classici e cremosi ed è una deliziosa alternativa all’uso della meringa italiana nei dolci.

Ideale anche nella preparazione del tiramisù poiché elimina ogni rischio legato al consumo di uova crude presenti nella crema del tiramisù. Durante la realizzazione della pate à bombe, infatti, lo sciroppo caldo che viene aggiunto pastorizza le uova presenti all’interno del composto, rendendole più sicure.

Si chiama anche base tiramisù perché aggiungendo panna e mascarpone si ottiene la crema tiramisù. In questo caso a me piace profumarla con un po’ di liquore o la punta di un cucchiaino di polvere di caffè.

Viene considerata la sorella della meringa italiana: infatti se quest’ultima è una montatura di albumi a cui viene aggiunto uno sciroppo portato a 121°C, il patè a bombe è una montatura di tuorli a cui si aggiunge sempre lo stesso sciroppo di acqua e zucchero cotto a 121°C.

ThinkstockPhotos-479037044

 

INGREDIENTI

  • 175 gr di tuorli d’uovo
  • 100 ml di acqua
  • Una bacca di vaniglia
  • 340 gr di zucchero

PROCEDIMENTO

In una ciotola mescolate i tuorli e i semini della bacca di vaniglia, incisa per tutta la sua lunghezza, e mescolate il tutto. In un pentolino unite l’acqua e lo zucchero, mettete sul fuoco e fate cuocere ad una temperatura di 121°C e mescolate di tanto in tanto (potete aiutarvi con un termometro da cucina).

Dopo di che versate lo sciroppo così ottenuto nella ciotola con i tuorli, amalgamate con le fruste elettriche e montate per una decina di minuti, fino a quando il composto non si sarà raffreddato. A questo punto sarà pronta la vostra pate à bombe che potrete utilizzare per altre ricette. Buon appetito a tutti e arrivederci alla prossima ricetta su Checucino.it

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post