Perché alcune persone mangiano di tutto e sono sempre magre?

Perché alcune persone mangiano di tutto e sono sempre magre?

LA PREPARAZIONE
di Marco

Vi siete mai chiesti perché alcune persone possono mangiare qualsiasi cosa restando comunque magre? Perché succede? C’è una risposta scientifica?

persone magre
Perché alcune persone mangiano di tutto e restano sempre magre?

Ci sono persone che mandano giù di tutto quando sono a tavola, mangiano qualsiasi cosa senza limiti eppure non ingrassano mai. Come fanno? Cosa succede nel loro organismo affinché non ingrassino e non mettano su nemmeno un grammo? Da tempo, forse, vi state ponendo questa domanda. Soprattutto se siete tra quelle persone che, invece, appena guardano del cibo cominciano a mettere peso. Chi nasce con un fisico asciutto e magro è sicuramente una persona fortunata. Però, c’è anche anche una spiegazione previsa a quello che succede nell’organismo di questa persone. Insomma, un team di ricercatori internazionali, coordinato da esperti dell’Università della British Columbia ha condotto uno studio proprio su questa articolata materia e l’ha pubblicato sulla rivista scientifica “Cell”. Finalmente, dunque, sapremo perché qualcuno nasce ‘fortunato’ e qualcun altro invece no.

 Perché alcune persone possono mangiare tutto restando sempre magre

Lo studio è stato effettuato utilizzando i parametri della struttura genetica e i profili clinici di 47.102 persone. Il gruppo di ricercatori ha individuato un particolare gene, che prende il nome di ALK (Anaplastic Lymphoma Kinase), che funge da interruttore molecolare della magrezza. “Conosciamo tutti persone che possono mangiare quello che vogliono, non fanno attività fisica, ma non aumentano di peso. Costituiscono circa l’uno per cento della popolazione”: queste le parole di Josef Penninger, professore di genetica medica della Facoltà di Medicina e numero uno nella ricerca effettuata. “Volevamo capire come può succedere. La maggior parte dei ricercatori studia l’obesità e la genetica dell’obesità. Noi abbiamo deciso di capovolgere la prospettiva e abbiamo studiato la magrezza, avviando così un nuovo campo di ricerca”, ha spiegato. Sono stati effettuati diversi esperimenti sui moscerini della frutta e sui topi. Nonostante gli scienziati avessero tentato più volte di disattivare quella valvola chiamata ALK e sottoponendo i topi ad una dieta ipercalorica, il risultato conduceva comunque una parte di essi a rimanere magri e l’altra parte no.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post