Pasta contaminata, devi leggere bene le etichette: fai così

Ecco una lista con 40 aziende italiane che utilizzano solo 100% di grano coltivato sul nostro territorio, al riparo da contaminazioni legate al glifosato. Vediamolo tutte.

Glifosato 40 marche pasta 100% Made in Italy dettagli
Marche pasta scaffali supermercato (Foto @dreamstime)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Quando si parla di pasta in Italia si nomina anche una vera istituzione, un caposaldo della nostra economia florida che da secoli porta avanti il lavoro di intere generazioni che lavorano sui campi e si impegnano per portare in tavola un prodotto sostenibile e biologico.

Per “pasta Made in Italy” va precisato però che non si intende sono quella che viene realizzata in stabilimenti locali, ma è anche quella che viene prodotta con grano coltivato totalmente sul nostro territorio.

Non considerare questi due aspetti però può essere controproducente per il consumatore che si affida al brand di origine italiana per comprare un prodotto rispetto ad un altro.

Nell’articolo “Pasta e glifosato, 4 marchi italiani a rischio“, abbiamo trattato pochi giorni fa l’annosa questione dell’erbicida presente, secondo il test svizzero della rivista KTipp, in quantità maggiori nella pasta europea.

Tracce di glifosato sono state rinvenute nei campioni di pasta LidlDivellaAgnesi e Garofalo proprio perchè spesso fanno affidamento a grano proveniente dai silos di mezza Europa e non solo a quello nazionale.

Ma come fare a riconoscere allora la pasta 100% italiana che non corre il rischio di avere al suo interno tracce di glifosato? Il Fatto Alimentare, grazie alle segnalazione dei consumatori, poche settimane fa ha pubblicato una lista di 40 marche che producono pasta completamente Made in Italy. Vediamo quali sono.

Le 40 marche di pasta 100% Made in Italy secondo

Si parla di “traccia” quando i livelli di quantificazione minima di glifosato sono pari a 0,010 mg/kg. Lidl ha fatto sapere che i livelli di glifosato sono irrilevanti visto che è oltre misura sotto la percentuale stabilita a livello europeo.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

glifosato bevande
Il glifosato nell’erbicida (wuzefe da Pixabay)

Per l’azienda tedesca inoltre sono stati riscontrati ottimi risultati invece sul prodotto spaghetti Lidl Combino Bio, prodotto di filiera intarmante italiana (diversamente dai prodotti analizzati da KTipp).

Ottimi riscontri anche per gli spaghetti Barilla e penne integrali Barilla, al momento tra i migliori a livello europeo per tracciabilità e garanzia di non contaminazione.

Ora arriva anche il nuovo Test GranoSalus, riportato anche da Il Fatto Alimentare, segnala ora quali sono invece le marche che producono pasta 100% interamente con grano italiano.

  1. Alce Nero
  2. Afeltra
  3. AmoreTerra
  4. ArteAgricola
  5. Auchan
  6. Pasta Baronìa
  7. Casa Prencipe
  8. Pasta Cocco
  9. Columbro Pasta biologica
  10. Coop ViviVerde
  11. Coop FiorFiore
  12. Di Martino Pastificio
  13. Ecor
  14. bottegadelmondo Equociqui a marchio Libera e Iris
  15. Stefano Facioni
  16. Felicetti Grano duro biologico
  17. Felicetti Monograno
  18. Floriddia
  19. Pasta Fratelli Minaglia
  20. Gentile Pastificio
  21. Gerardo di Nola
  22. Ghigi
  23. Girolomoni
  24. Grano Armando
  25. Granoro Dedicato
  26. Granoro Linea Biologica
  27. Azienda agraria Guerrieri
  28. Iris Pasta biologica
  29. La Terra e il Cielo
  30. La Tosca
  31. Libera terra
  32. Liguori
  33. Mancini
  34. Palandri Pastificio
  35. Pasta Jolly
  36. Pasta Martelli
  37. Pasta Riccio, marca di Tuodì
  38. Pasta Toscana
  39. Pastificio dei Campi Gragnano
  40. Sgambaro

L’indicazione è quindi sempre quella di preferire una di queste marche appena segnalate per comprare grano 100% Made in Italy e di leggere l’etichetta per avere sempre un doppio raffronto sulla tracciabilità di quanto portato in tavola.

Come leggere l’etichetta della pasta?

Quando ci troviamo di fronte un pacchetto di pasta sono diverse le accortezze che dobbiamo considerare nel leggere l’etichetta “parlante”. In primis serve prestare attenzione agli ingredienti, aspetto davvero importante visto che la pasta dovrebbe essere realizzata unicamente con grano e acqua, nessun additivo, conservante o elemento aggiuntivo!

La pasta secca è composta di sola semola di grano duro, nessun altro ingrediente. Osserviamo però anche il quantitativo di proteine, che in una pasta di ottima fattura si aggira generalmente intorno al 13,5% (a salire).

pasta pesto melanzane
Scolare la pasta (Canva)

Nella pasta fresca invece il grano duro spesso viene sostituito dal grano tenero. Se trovate riso attenzione: potrebbe essere un prodotto di bassa qualità.

Mentre, infine, per la pasta fresca all’uovo, oltre al tipo di farina usata accertatevi che siano state usate uova di categoria A.