Pinoli, rimedi naturali: fertilità, afrodisiaci e antiossidanti

Pinoli, rimedi naturali: fertilità, afrodisiaci e antiossidanti

I pinoli sono i semi commestibili di alcune varietà di pino. Sono utilizzati in cucina, ad esempio nel pesto alla genovese, ma sono rinomati anche per le proprietà benefiche e sono impiegati soprattutto per arricchire salse e insalate. Sono ricchi di minerali quali magnesio, selenio, ferro, potassio, calcio, fosforo, zinco, vitamina A, B2  ed E. Composti per più del 65% di grassi sono molto calorici e quindi vanno consumati con moderazione soprattutto da chi è in sovrappeso.

Salute del cuore – I pinoli sono ricchi di acidi grassi monoinsaturi. L’acido oleico contribuisce a ridurre i livelli di colesterolo cattivo LDL nel sangue e ad aumentare la quantità di colesterolo buono HDL.

Antiossidanti – Le vitamine presenti e la luteina sono in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, quindi a rallentare l’invecchiamento. Oltre a proteggere le cellule dall’azione dei radicali liberi, fa bene anche alla vista grazie al beta-carotene e la vitamina A, che hanno proprietà protettive nei confronti di occhi e vista.

Fertilità – Sin dall’antichità i pinoli sono considerati un prezioso alimento afrodisiaco e stimolante per la fertilità. Tra l’antica popolazione dei Frigi i pinoli erano utilizzati per preparare un vino inebriante e afrodisiaco. Pare che consumati insieme all’uva secca o allo zucchero, i pinoli aumentino le loro proprietà afrodisiache.

Rimedio contro l’herpes – Procuratevi una manciata di pinoli e 1 cucchiaio di latte. Frullate i pinoli nel latte, quindi applicate il composto sull’herpes per velocizzarne la guarigione.

Utili per la dieta– Anche se sono ricchi di grassi, i pinoli aiutano a dimagrire perché contengono acido pinoleico. Secondo alcune ricerche scientifiche questo acido contenuto nei pinoli può rivelarsi un efficace soppressore dell’appetito.

 

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post