Pistacchi in gravidanza per frenare la glicemia

Pistacchi in gravidanza per frenare la glicemia

I pistacchi si rivelano sempre più utili alle donne in gravidanza. Secondo uno studio condotto dall’università di Shangai i pistacchi, soprattutto se consumati al mattino a colazione, potrebbero essere utili per mantenere la glicemia in equilibrio. L’indagine ha preso in esame donne fra le 24 e le 28 settimane di gravidanza con diabete gestazionale o un’alterata tolleranza al glucosio. Alcune di loro hanno consumato una colazione a base di pistacchi (42 grammi), altre hanno mangiato due fette di pane integrale, per arrivare alla stessa quantità di calorie dei pistacchi.

In seguito sono state misurate la glicemia, l’insulina nel sangue e i livelli di GLP-1 o Glucagon-Like Peptide ogni mezz’ora fino a 120 minuti dopo il pasto. Dopo una settimana i gruppi sono stati invertiti, affinché ciascuna potesse essere valutata nella risposta a entrambi i tipi di colazione. E’ stato rilevato che dopo la colazione a base di pistacchi la glicemia si mantiene più bassa rispetto al consumo di pane; rimangono inferiori anche le concentrazioni di insulina nel sangue.

Il basso indice glicemico dei pistacchi, come quello di noci e mandorle, apportano benefici a chi soffre di diabete in quanto associano ai carboidrati fibre, grassi e proteine che riducono l’assorbimento immediato degli zuccheri e quindi il picco di glicemia dopo il pasto. “Il nostro studio è il primo a dimostrare che il consumo di pistacchi può aiutare le donne con diabete gestazionale a controllare i livelli di zucchero”, ha dichiarato Sheng Ge, ricercatrice principale e primario della Clinical Nutrition al Sixth People’s Hospital della Shanghai Jiao Tong University, dove è stato condotto lo studio.

L’aumento dello zucchero nel sangue durante la gravidanza non solo influenza la salute della madre, ma può anche aumentare il rischio del neonato di sviluppare il diabete. Quindi i pistacchi possono fornire nutrienti essenziali alla madre e al bambino in questo momento fondamentale della loro esistenza.

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post