Pressione alta, cosa mangiare per abbassarla. I cibi che non ti deluderanno

Soffri di pressione alta? Oltre ad adottare un regime alimentare con poco sodio, ci sono almeno 7 cibi che possono aiutarti. Ecco quali sono.

cibi per pressione alta
Grafico (da Pixabay)

Chi soffre di pressione alta già lo sa, la regola base è quella di seguire una dieta povera di sodio ma ricca di potassio, magnesio e calcio. Tuttavia, è stato scientificamente provato che ci sono alcuni cibi che possono aiutare a prevenire e anche ad alleviare l’ipertensione.

Una lista che comprende alimenti probabilmente inaspettati e che sarebbe giusto inserire nella propria alimentazione.

Leggi anche -> Giornata mondiale della salute mentale: ecco i cibi che ci aiutano a stare meglio

Cosa inserire nel carrello della spesa? Sette cibi ideali per la pressione alta

semi di lino per pressione alta
Semi di lino bianchi (foto da Pixabay)

Quali sono, quindi, i cibi ideali per la pressione alta? Cosa dovrebbe consumare regolarmente chi soffre di ipertensione?

Partiamo dai latticini: un gruppo di ricercatori australiani ha dimostrato che consumare latticini a basso contenuto di grassi determini anche una riduzione del rischio di ipertensione.

La lista della spesa dovrebbe anche contenere cioccolato: i polifenoli presenti nel cioccolato fondente sono associati alla formazione di ossido nitrico, sostanza che favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni e di conseguenza un abbassamento della pressione.

Continuiamo con l’olio di oliva: secondo l’American Journal of Hypertension, la presenza di polifenoli all’interno dell’oro giallo della terra determini un abbassamento dei valori pressosi.

Aiutano, poi anche barbabietola e ibisco: nel primo la presenza di nitrati favorisce l’afflusso di sangue. Nel secondo, gli antiossidanti presenti nella pianta, tra cui fenoli e antociani, aiutano all’abbassamento della pressione. La dose consigliata? Almeno tre té al giorno di ibisco.

Chiudiamo con melograno e semi di lino: nel primo caso la presenza di potassio e polifenoli presenti nel succo del frutto, consentirebbero di diminuire la pressione sistolica. Mentre uno studio del 2013 che, quei soggetti che soffrivano di pressione alta, inserendo nella loro dieta i semi di lino hanno ottenuto benefici positivi dopo alcune settimane. Questo grazie alla presenza nei semi di lignani, peptiti e fibre.

Leggi anche -> Rafforzare il sistema immunitario partendo dalla tavola: gli alimenti alleati