Prima colazione: saltarla può aumentare il rischio di malattie

Prima colazione: saltarla può aumentare il rischio di malattie

Saltare la colazione potrebbe aumentare il rischio di malattie cardiache dell’87 percento secondo un nuovo studio.

I ricercatori dell’Università dello Iowa hanno analizzato per 18 anni i dati su 6.550 persone che non avevano precedenti di malattie cardiache. Sono stati sottoposti a regolari sondaggi, che includevano la domanda: “Quanto spesso fai colazione?”

La maggior parte (59%) ha fatto colazione tutti i giorni, ma il 5,1% non l’ha mai fatto, il 10,9% lo ha fatto raramente e il 25% la saltava alcuni giorni. Il team ha trovato un chiaro collegamento tra le abitudini della colazione e il rischio di malattie cardiache.

Coloro che non mangiavano al mattino avevano l’87% di probabilità in più di sviluppare problemi cardiaci. “La colazione è considerata un pasto importante della giornata, mentre negli Stati Uniti c’è stata una crescente prevalenza di saltare la colazione negli Stati Uniti, con il 23,8% di giovani che la saltano ogni giorno”, hanno detto gli autori.

Questo è il primo studio retrospettivo che guarda le abitudini della prima colazione e la mortalità cardiovascolare. Il team ha indicato alcuni fattori che potrebbero essere alla base di questa connessione.

In primo luogo, coloro che non mangiano la colazione possono essere più propensi a fare spuntini malsani. In secondo luogo, la colazione può aiutare a bilanciare i livelli di zucchero nel sangue e controllare la pressione sanguigna. Il nuovo studio non fornisce, in alcun modo, un verdetto concreto sulla colazione, l’associazione non è necessariamente causale. Ma il verdetto dello studio è da prendere in seria considerazione per ulteriori approfondimenti.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post