Propoli, L’Antibiotico Naturale Prodotto Dalle Api


La propoli è una sostanza resinosa che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia delle piante. Si tratta di una sostanza di origine prettamente vegetale anche se le api, dopo il raccolto, la lavorano con l’aggiunta di polline, cera ed organismi prodotti dal loro stesso organismo. Lo scopo è quello di sigillare eventuali buchi e rinforzare gli alveari.

propoli

Ma tra gli umani è considerata un autentico antibiotico naturale, capace di rinforzare il sistema immunitario e combattere i malanni di stagione, oltre che antibatterico, antimicotico e antivirale.  La propoli è ricca di minerali ed oligoelementi come calcio, ferro, rame, cobalto, nichel, zinco, silicio, vanadio e titanio, oltre che di vitamine B1 – B2 – B6 – C – E – P.

Possiede un notevole potere antinfiammatorio ed accelera la guarigione delle ferite, grazie alla sua capacità di raddoppiare il ritmo del metabolismo. Inoltre, se viene assunta in maniera regolare e costante, è in grado di migliorare le condizioni fisiche e psichiche delle persone anziane. La propoli è un autentico alleato delle mucose e quindi di tutti gli organi rinvestiti da mucose, come l’apparato respiratorio e digerente.

La propoli può essere assunta sotto forma di tintura idroalcolica, sciroppo, pomate e saponi (per uso cutaneo), pastiglie masticabili e capsule.

Vediamo ed epiloghiamo insieme le sue proprietà benefiche sul nostro organismo:

Tosse e mal di gola: utile contro le malattie da raffreddamento invernali, come mal di gola e tosse, infiammazioni della bocca, delle mucose, otiti, tonsilliti, asma, bronchiti e contro il raffreddore in genere.

Salute della bocca: Utilissima contro gengiviti, mal di denti, igiene del cavo orale, ascessi dentari ed herpes labiale.

Salute dell’intestino: indicata contro l’ulcera gastrica e duodenale, infiammazione delle vie biliari e problemi alla cistifellea.

Salute della pelle: cicatrizza le ferite, ottimo aiuto per contrastare dermatite da pannolino, geloni, psoriasi, fuoco di Sant’Antonio, verruche, duroni  e calli.





Altre Ricette Buonissime

Commenta