Pulire le vongole: metodo veloce e infallibile. Risultati assicurati

Pulire le vongole è semplice se si fa come farlo. Arriva un metodo semplice, ma dai risultati infallibili: ecco di cosa si tratta.

Vongole: come pulirle
Vongole (Foto di Alex Favali di Pexels)

LE RICETTE PIU’ BUONE DI OGGI:

  1. Biscotti salati al formaggio più buoni che mai. Con questa ricetta sorprenderai tutti
  2. Salame al cioccolato, ricetta di Cracco. Il tocco dello chef che nessuno si aspettava
  3. Risotto dello stalliere, il piatto della primavera con solo 3 ingredienti. Possono farlo tutti

Arriva l’estate e sale la voglia di piatti di pesce. Tra primi e secondi, le possibilità sono tante, ma una in particolare spesso conquistata tutti: le vongole.

Mollusco molto versatile è perfetto sia da solo, sia per dare vita a un sugo da urlo con cui dare vita a una pastasciutta mozzafiato.

Dal gusto goloso, l’unico fattore che potrebbe frenare nella loro scelta è il pensiero comune che le vongole siano difficili da cucinare e in particolare da pulire.

Pulire le vongole: metodo infallibile

Se pulire le vongole può sembrare all’apparenza un’impresa titanica, in realtà non è così. Esiste infatti un metodo infallibile per farlo grazie a semplici step.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

vongole ricetta pasta carciofi
Vongole (Foto di GonzaKnox da Pixabay)

Pulirle in modo corretto è di vitale importanza in quanto in caso quest’operazione non sia fatta in modo adeguato si potrebbe persino percepire la sabbia tra i denti.

In primis si parte pulendo le vongole, analizzandole una a una (quelle aperte e rotte vanno eliminate) per poi sbatterle sul tagliere per eliminare eventuali residui di sabbia.

Di seguito si pongono in uno scolapasta e si lavano sotto l’acqua pulendole al meglio e rimuovendo eventuali impurità.

Si può poi lasciare le vongole nello scolapasta posizionato sopra una ciotola, evitando così che tocchino il fondo, per poi sciacquarle di nuovo e lasciare ancora in ammollo. Altrimenti si possono lasciare in ammollo in una ciotola di vetro con acqua e sale – circa 20 g per 1 litro di acqua – creando un ambiente marino che permette di spurgare eventuali impurità.

Vongole e arselle
Vongole e arselle -foto pixabay pixel1

Si lasciano per un paio di ore in ammollo per poi scuoterle e aggiungere ancora del sale, ripetendo il processo fin tanto che l’acqua non è pulita. Si passa poi alla fase di apertura.