Big Purple Tomato, il pomodoro viola con elevate capacità antiossidanti

Un pomodoro viola? Sì esiste o meglio è stato inventato e dall’America una ricerca ha evidenziato le sue eccellenti capacità antiossidanti. È geneticamente modificato e negli USA ne è stata approvata la vendita.

pomodoro viola esiste?
Un “big purple tomato” tagliato (foto da Instagram @bipurpletomato)

Era il 2008 e la professoressa dell’John Innes Centre, Istituto di ricerca del Regno Unito, Cathie Martin creava in laboratorio il primo prototipo del Big purple Tomato un pomodoro viola.

Il big purple tomanto è ricco di antociani ovvero pigmenti vegetali idrosolubili che danno a fiori e vegetali i particolari colori sgargianti. Queste sostanze poi risultano essere molto importanti per l’organismo. Appartengono, infatti, al gruppo dei flavonoidi, e svolgono diverse funzioni protettive.

Per intenderci sono quelle stesse sostanze che ritroviamo nei mirtilli, ma anche melanzane e ciliegie. Parliamo quindi di proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, anti radicali liberi e, infine, antinvecchiamento.

Da allora sono passati 15 anni e diverse ricerche scientifiche hanno messo in evidenza le benefiche proprietà di questo pomodoro geneticamente modificato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Frutta e verdura viola, tutto quello che c’è da sapere sui loro benefici

Keep calm and love purple

Il pomodoro viola, così come i cibi plant based e stampati in 3d, promettono di essere il futuro dell’alimentazione, mantenendo i sapori a cui siamo abituati ma con maggiori benefici per l’organismo.

big purple tomato pomodoro viola ogm benefici
Insalata con pomodori misti incluso quello viola (foto da Instagram da @bigpurpletomato)

Ci stiamo abituando alla parola superfood nell’alimentazione ovvero stiamo imparando a conoscere quegli alimenti vegetali multi-funzionali, nutrienti ma che soprattutto hanno importanti e salutari risvolti sul nostro organismo. Il pomodoro viola pur essendo un superfood geneticamente modificato promette di fare la sua parte.

Il team di ricerca che ha dato visto al Big Purple Tomato ha scoperto che ai topi nella cui dieta era inserito il consumo di questo pomodoro riuscivano a vivere il 30% in più.

Abbiamo già detto che gli antociani sono naturalmente presenti in frutta e verdura, quello che i ricercatori hanno fatto quando hanno creato questo pomodoro è stato semplicemente aumentare la presenza di queste sostanze nel frutto: “I pomodori hanno circa 30.000 geni e producono naturalmente antociani nelle foglie e nel gambo – spiegano i ricercatori -. (Questo pomodoro, ndr) È stato progettato con due geni extra che attivano la produzione degli antociani viola naturali del pomodoro”.

L’elevatissima presenza di antociani, oltre a dare un particolare colore al Puprle Tomato, determina anche e soprattutto vantaggi nel consumarlo. Gli antociani sono antiossidanti che potrebbe aiutare nella lotta contro le malattie cardiovascolari e il cancro ed è su questi risvolti che adesso i ricercatori si concentrano.

Intanto il pomodoro viola prova a combattere lo spreco alimentare; la bacca creata dai ricercatori vanta il doppio della durata di conservazione di un pomodoro medio.

pomodori viola fanno bene
Piante di pomodori a confronto (foto da @bigpurpletomato Instagram)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Kiwi a colazione, lo mangeresti tutti i giorni se sapessi che benefici apporta per la salute

La vendita di Big Purple Tomato negli USA

Negli ultimi anni un’azienda americana ha iniziato a lavorare sul Big Purple Tomato per arrivare ad una produzione su larga scala ampliando le ricerche iniziate nel Regno Unito.

Proprio questa azienda è riuscita ad ottenere, qualche settimana fa, dall’FDA, il ministero della Salute USA, l’approvazione per la vendita sul mercato americano di questo prodotto.