Ragù napoletano secondo Antonino Cannavacciuolo, la vera ricetta dello chef stellato

Come replicare a casa nostra il vero ragù napoletano? Ci corre incontro lo chef per spiegarci tutti i passaggi per la sua realizzazione

Ragù napoletano ricetta veloce Antonino Cannavacciuolo
Ragù napoletano (Foto di RitaE da Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Domenica per molte famiglie italiane vuole dire odore di ragù che sobbolle nel tegame pronto per condire le lasagne o la pasta per il pranzo insieme.

In Italia le versione ufficiali sono due, quello bolognese e quello napoletano, e proprio quest’ultimo è stato spiegato dallo chef Cannavacciuolo per il suo pubblico di affezionati.

Voglio raccontarvi di quelle domeniche mattina, quando a svegliarmi era il profumo del ragù di mamma” – spiega Antonino. “Un profumo che non scorderò mai!”

Poi continua: “Oggi voglio condividere questo splendido ricordo assieme a voi…Sono molte le versioni del ragù napoletano, qualcuno lo prepara con la cotenna del maiale, qualcuno con la carne di manzo, qualcuno con le braciole. La mia versione preferita è con le costine di maiale“.

Ingredienti e preparazione del ragù napoletano

Armatevi di sana pazienza, per prepararlo serviranno diverse ore anche se la sua realizzazione è tutt’altro che impegnativa.

Ragù napoletano ricetta veloce Antonino Cannavacciuolo
Antonino Cannavacciuolo (Foto Instagram)

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 500 g di costine di maiale
  • 2 cipolle bianche piccole (o 1 grande)
  • 1 kg di pomodori San Marzano pelati
  • 1 peperoncino
  • 3 foglie di alloro
  • 100 ml di vino rosso
  • Olio extra vergine di oliva qb.
  • Sale e pepe qb.

PREPARAZIONE (circa 6 ore)

Pulire le costine di maiale e tagliarle nel senso dell’osso, cospargerle di sale e pepe e lasciarle marinare per una decina di minuti.

Soffriggerle in una pentola capiente con un filo d’olio, fino a ottenere una crosticina dorata, quindi unire la cipolla tagliata molto sottile e il peperoncino (se non amate il peperoncino potete non metterlo).

Fare appassire, sfumare con il vino rosso e non appena l’alcol sarà evaporato coprire tutti gli ingredienti con i pomodori pelati. Cuocere il tutto a fuoco lento per almeno 5 ore.

A metà cottura unire la foglia d’alloro e a cottura ultimata staccare la carne dall’osso. Questa è la base del ragù che potrà essere utilizzata per le diverse preparazioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Antonino Cannavacciuolo (@antoninochef)

Il consiglio dello chef: “Questa variante di ragù è una versione più semplice e meno ricca di quella tradizionale e alleggerisce questo piatto impegnativo”.

“Il ragù può essere una base per condire la pasta, come paccheri e maccheroni! Uagliù ricordate che la scarpetta è obbligatoria!