Ricerca francese: la dieta mediterranea non previene l’Alzheimer

Ricerca francese: la dieta mediterranea non previene l’Alzheimer

Una dieta mediterranea ricca di frutta, verdura e cereali integrali potrebbe non proteggere dall’Alzheimer. Per anni gli scienziati hanno pensato che la dieta proteggesse il cervello, ma uno studio ventennale non ha trovato alcun collegamento.

Gli esperti francesi hanno affermato che la ricerca offre “prove convincenti” che mangiare in modo sano non riduce il rischio di sviluppare demenza, sebbene si inviti a prendere con le pinze i risultati dello studio. I ricercatori dell’Université de Montpellier hanno monitorato circa 8.200 adulti sani senza demenza da quando sono stati reclutati per la prima volta nei primi anni ’90.

Ai volontari, che erano tutti funzionari pubblici nel Regno Unito, è stato chiesto di compilare questionari sugli alimenti, per consentire agli esperti di valutare la qualità delle loro diete. Dopo aver seguito i partecipanti fino al 2017, gli scienziati hanno registrato esattamente a quanti sia stata diagnosticata ufficialmente la demenza. Una dieta sana comprendeva un sacco di verdure, frutta, cereali integrali, noci e legumi, acidi grassi omega-3 e grassi polinsaturi.

Al contrario, una dieta povera consisteva nel consumo di molte bevande zuccherate e succhi di frutta, carne rossa e lavorata, grassi trans e sale. I ricercatori, guidati dal dott. Tasnime Akbaraly, hanno separato i volontari in tre gruppi, a seconda di quanto fosse sana la loro dieta. Hanno poi confrontato i tassi di demenza tra i gruppi senza però trovare “nessuna differenza significativa”.

Lo studio, pubblicato sul Journal of American Medical Association, ha ricevuto critiche da parte di esperti in malattie legate all’età. Il professor Tom Sanders, del King’s College di Londra, ha avvertito che lo studio non ha approfondito altri aspetti dello stile di vita noti per aumentare il rischio di demenza, come il fumo. Inoltre i questionari auto-segnalati potrebbero non essere sempre precisi e che non tutti i soggetti affetti da demenza sarebbero stati diagnosticati.

Il dott. James Pickett, capo della ricerca presso l’Alzheimer’s Society, ha dichiarato: “La demenza è una delle prime dieci cause di morte e l’unica che non possiamo curare, prevenire o addirittura rallentare. “Si stima che fino a un terzo dei casi di demenza potrebbe essere prevenuto da cambiamenti nello stile di vita, compresa la dieta. Quindi è sorprendente che questo studio suggerisce che la dieta nella mezza età non ha un impatto sul rischio di demenza in età avanzata”.

Ma il professor Robert Howard, dell’University College di Londra, ha dichiarato: “Lo studio fornisce prove convincenti che seguire una dieta di buona qualità non riduce il rischio di declino cognitivo o demenza. Tuttavia, il professor Horward ha avvertito che i risultati non dovrebbero incoraggiare gli adulti di mezza età a eliminare le diete sane. “L’obesità e il diabete sono collegati in modo convincente al maggior rischio di demenza e gli ulteriori benefici per la salute cardiovascolare di una buona dieta sono schiaccianti”.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post