Risotto al nero di seppia

PREPARAZIONE: 15 minuti COTTURA: 30 minuti
Risotto al nero di seppia: la preparazione

PRESENTAZIONE

Il risotto al nero di seppia è un primo piatto dal sapore inconfondibilmente unico e raro e dall’aspetto scenografico, per via del colore nero di cui si avvolge la pasta. L’odore delle seppie si espanderà per la vostra casa facendovi navigare con la mente per mari remoti o all’ultima estate al mare, tanto desiderato soprattutto nelle fredde giornate autunnali e invernali.

Il risotto al nero di seppia è un piatto semplice e veloce da realizzare, ma il segreto del successo è nella freschezza degli ingredienti.

ThinkstockPhotos-465074632

INGREDIENTI

  • 500 gr di seppie
  • 1 l di brodo
  • 4 cucchiai di prezzemolo
  • 300 gr di riso
  • 20 gr di burro
  • Una cipolla
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’ oliva
  • Uno spicchio d’aglio
  • 4 gr di nero di seppia
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • Sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Togliete la pellicina delle seppie, eliminate le viscere e lavatele con cura sotto acqua corrente. Tagliate le seppie a striscioline lasciando però i tentacoli interi.

In una casseruola fate scaldare l’olio, rosolate una cipolla tritata finemente e uno spicchio d’aglio sbucciato che andrete ad eliminare quando sarà ingiallito. Poi potete aggiungere le seppie, fatele cuocere per alcuni minuti, aggiungete il vino bianco e fatelo evaporare a fuoco medio. Poi unite un mestolo di brodo caldo e il nero di seppia. Proseguite la cottura con il coperchio per alcuni minuti fino a quando saranno cotte.

A questo punto addizionate il riso, un mestolo di brodo di pesce, un pizzico di sale e pepe e fate cuocere il risotto a fuoco lento con il coperchio, aggiungendo un mestolo di brodo ogni volta che il riso si sarà asciugato. Ogni tanto mescolate con un cucchiaio di legno e prima di terminare la cottura unite il prezzemolo tritato. Una volta terminata la cottura fate mantecare con il burro e servite in tavola ancora caldo il vostro risotto al nero di seppia. Buon appetito a tutti e arrivederci alla prossima ricetta su Checucino.it

 

 

 

 

Condividi sui social
Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post