Ritorno a casa dalle vacanze: attenzione agli alimenti conservati

Ritorno a casa dalle vacanze: attenzione agli alimenti conservati

di Ivana Tramontano

Terminate le vacanze si ritorna a casa dopo giorni di assenza. Attenzione alle spiacevoli sorprese in frigorifero, nel freezer e in dispensa.

Primo consiglio suggerito da Coldiretti è di fare attenzione ai prodotti congelati. Per sincerarsi che non vi siano state interruzioni del funzionamento badare che non ci sia ghiaccio sulle confezioni di surgelati o anche della carne, che sta ad indicare una interruzione del freddo (dovuta ad un ammanco di corrente) ed è quindi consigliabile non consumare i prodotti interessati.

All’interno del frigorifero cestinare le confezioni già aperte di latte, succhi di frutta o conserve come pure quelle di tonno e sottoli se l’olio non copre integralmente il prodotto. Eliminare anche i salumi già affettati che presentano segni di ossidazione come pure gli eventuali “avanzi” dimenticati alla partenza. Occhio anche all’eventuale sviluppo di muffe su formaggi o salumi e per tutti gli alimenti in scatola, collocati sia fuori che dentro il frigo.

Nei legumi già sgusciati o nei pacchi di pasta e riso potrebbero nascondersi insetti, mentre nelle confezioni già aperte la perdita di fragranza per biscotti o snack sta a significare l’assorbimento di umidità. Controllate anche la dispensa o il cesto del pane, perché eventuali briciole potrebbero aver attirato formiche o scarafaggi che spesso si annidano anche nella spazzatura se non è stata eliminata prima delle vacanze.

Per gli alimenti in scatola con confezioni integre, collocati sia fuori che dentro il frigo, vanno sempre verificate le date di scadenza ed il periodo consigliato per il consumo.

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post