La rivoluzione di Cannavacciuolo: così il tradizionale dolce di Pasqua ha un altro sapore

Immancabile per la Pasqua napoletana una vera prelibatezza legata alla tradizione, peccato che lo chef ne abbia creato una versione moderna 2.0. Cosa diranno i puristi di questo cambiamento così epico?

Antonino Cannavacciuolo
Antonino Cannavacciuolo (screenshot da Instagram @antoninochef)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Abbiamo già visto come chef Antonino Cannavacciuolo si sia adeguato ai nuovi gusti del mercato in evoluzione lanciando poche settimane fa la sua personale versione della Colomba Vegana.

Si tratta di una sfida che gli ha lanciato la moglie Cinzia ma che lui ha vinto egregiamente, come sempre d’altronde. “Un dolce vegano? Sfida lanciata da mia moglie Cinzia. ‘Antonino, scommettiamo che non farai mai un dolce 100% vegan?’. E perché no?“, scriveva lo chef nel post Ig in cui ne dava annuncio.

Si tratta di una delizia che nasce dalle mani sapienti del Pastry Chef Kabir Godi e viene venduta al prezzo di 29 euro nel formato da 750 g.

Il 5 volte stelle Michelin però non si è voluto fermare qui, e per Pasqua 2022 ha riproposto una sua vera rivoluzione della pasticceria napoletana ma in versione 2.0. Che cosa diranno i puristi più tradizionalisti?

Pastiera napoletana in barattolo, da non crederci!

Avete letto bene, lo chef ha dato vita ad una piccola rivoluzione in cucina mettendo in vasetto la signora pastiera napoletana (e la caprese) che può essere così anche più facilmente spedita senza danni durante la consegna a casa.

Antonino Cannavacciuolo colomba vegana Pasqua 2022
Antonino Cannavacciuolo (Instagram)

Come si legge sul sito dello shop online di Cannavacciuolo, dove si possono comodamente acquistare con pochi semplici click tutte le sue creazioni, lui ed il suo team hanno messo a punto la tecnica della vasocottura.

Questo tipo di tecnica, ci permette di mantenere umidità ed aromi all’interno del vaso e di avere un prodotto fresco fino al momento dell’apertura”, si legge nella descrizione del prodotto.

Ciò non toglie che ci sia sempre un’ottima attenzione nella lavorazione artigianale delle materie prime per arrivare a sfornare poi un prodotto gastronomico di alto livello.

Tra gli ingredienti principali della pastiera in vasocottura tutti quelli che proprio la tradizione campana esige da questo dolce tipico della Santa Pasqua: ricotta, grano, zucchero, latte fresco, farina di grano tenero, tuorlo d’uovo, farina di mandorle, scorza di limone candito, scorza di arancia candita, burro di centrifuga.

Antonino Cannavacciuolo pastiera napoletana in barattolo
Pastiera in barattolo (screen Instagram)

Il costo è di 14 euro per 300 g di prodotto. Le recensioni sullo shop sono 262 e sono tutte positive, complimentandosi per la freschezza del prodotto che arriva a casa come appena sfornato, ancora fragrante e soffice all’interno.

Una vera genialata che Cannavacciuolo ha vinto a mani alzate senza alcuno sforzo ma che renderà felici tutti i fautori della tradizione partenopea più autentica, ad un prezzo democratico ma dal risultato eccellente.