Salmone, sgombro e sardine allungano la vita dei pensionati

Salmone, sgombro e sardine allungano la vita dei pensionati

Mangiare una dieta ricca di pesce grasso può ridurre le probabilità di ammalarsi delle persone in pensione fino al 25%. Uno studio condotto su oltre 2.500 pensionati ha rilevato che quelli con livelli ematici di grassi omega-3 più elevati avevano il 24% in meno di probabilità di sviluppare malattie legate all’età come demenza, malattie cardiache e cancro.

Gli acidi grassi essenziali – trovati in frutti di mare come salmone, sgombro e sardine – sono noti per migliorare la salute del cervello, del cuore e della vista. Ora gli scienziati dicono che potrebbero aiutare la popolazione a rimanere in buona salute più a lungo. Credono che gli acidi grassi polinsaturi omega-3, noti come PUFA n-3, aiutano a regolare la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e le infiammazioni.

Con una crescente popolazione che invecchia, il numero di persone che vivono in età avanzata è in aumento, ma lo è anche la malattia cronica. “Le prove sull’uomo mostrano effetti favorevoli”, ha affermato la dott.ssa Heidi Lai, della Tufts University di Boston. “Questi risultati supportano le linee guida per un maggiore consumo alimentare negli anziani”.

 

Attiva modalità lettura

Fai il login e salva tra i preferiti questo post