Salsa Teriyaki, ricetta base: ingredienti e preparazione

Ottima per ottenere una glassatura perfetta o per condimento finale per carne, pesce crudo, tofu e verdure. Densa e lucente è un ottimo compendio per molti cibi anche italiani. 

Salsa Teriyaki ricetta base ingredienti preparazione
Uramaki con salsa Teriyaki (Foto di Pauline Raw da Pexels)

LE RICETTE PIU’ VISTE DI OGGI:

  1. Pad Thai: dici Thailandia e rispondi noodles con gamberi e verdure saltate
  2. Pollo con patate al forno. La preparazione superlativa per una cena da re
  3. Biscotti della nonna, buoni come quelli di una volta. Con crema pasticcera al limone

Con il diffondersi a macchia d’olio della cucina cinese, sta prendendo piede anche in Italia l’uso di consumare salse e condimenti propri della trazione orientale per arricchire riso bollito, carne, pesce e verdure saltate.

Il termine Teriyaki – unione di “teri” che  significa lucentezza e “yaki” che vuol dire grigliare o scottare –  si riferisce sia alla salsa che ha questo nome ma viene accostata anche ai piatti cucinati con il suo impiego.

Quindi ad esempio nel salmone glassato si parla di “salmone teriyaki”, nel pollo di “Tori teriyaki”, ottima anche nei noodles (al posto della salsa Yakisoba) saltati in padella, negli uramaki con gambero fritto e nei nigiri a base di anguilla giapponese grigliata.

Ingredienti e preparazione della salsa Teriyaki

Si tratta quindi di una salsa dall’aspetto lucido, quasi specchiato, che insaporisce le pietanze senza stravolgerne il gusto dell’ingrediente base e la materia prima.

Trancio di tonno panatura panko ricetta fit
Trancio di tonno (Foto di cottonbro da Pexels)

INGREDIENTI

  • 120 ml salsa di soia
  • 2 cucchiai di mirin (o sakè dolce)
  • 1 cucchiaio di zucchero

PREPARAZIONE (cica 5 min)

La sua preparazione è semplicissima. Bisogna mettere a scaldare gli ingredienti sul fuoco basso fino ad ebollizione. Lasciare rapprendere qualche minuti e poi usare la salsa come marinatura o condimento.

Appetizer pesce 6 ricette veloci
Appetizer salmone (Foto di Tanya Gorelova da Pexels)

Alla base della sua preparazione il mirin (un vino di riso fermentato) in grado di donare a questa salsa quel caratteristico sapore “umami”, il quinto gusto dopo dolce, amaro, aspro, salato. L’umami, tipico del brodo alghe odora di sapido, ma delicato al palato.

Come dicevamo, si può usare questa salsa per condire il tofu fritto giapponese, oppure la si può utilizzare in sostituzione della salsa yakisoba per aromatizzare i noodles saltati in padella.

Inoltre avete mai provato a glassarci il pollo con le mandorle? Un tuffo nella cucina nipponica che sempre di più piace agli italiani che la provano al ristorante, la ordinano sui siti di Delivery oppure si cimentano a casa con ricette facili e veloci. E voi cosa spettate ad accendere i fornelli?