Salsiccia a rischio Salmonella: “Non consumatela e riportatela in negozio”

Si torna a parlare di Salmonella, colpito ora anche un insaccato molto consumato in Italia. Vediamo subito marchio e lotto richiamati in via precauzionale. 

Salsiccia insaccata rischio microbiologico allerta alimentare
Salsiccia insaccata (nadianb AdobeStock)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Solo pochi giorni fa davamo comunicazione di un ritiro urgente del Ministero per Salmonella relativo ad alcuni lotti di salame Pic Nic venduto nella confezione da 200 grammi e prodotto nello stabilimento di Fumagalli, situato in provincia di Como (a Tavernerio, in via Briantea 18).

Ora invece nelle ultime ore sempre nella Gazzetta Ufficiale dell’ente governativo è stata pubblicata una nuova comunicazione che riguarda un lotto di Salsiccia fresca di puro suino e in pasta di salsiccia.

Il motivo, come anticipato, è segnalato come possibile “rischio microbiologico per Salmonella spp (Salmonella brandenburg)“.

Il lotto nel mirino è il 220726UE con scadenza indicata al 05/08/2022 e venduto in filze sfuse o confezionate in ATM peso 504 kg. La salsiccia in questione è stata prodotto dalla ditta Salumificio F.lli Cavallo s.r.l. via Martiri n. 77 a Beinette (CN).

Il consiglio anche stavolta è quello di non consumare il prodotto segnalato se già presente in casa. Riportarlo poi nel più vicino punto vendita per il cambio merce immediato anche senza scontrino fiscale come previsto dalla legge nazionale.

Che cos’è la Salmonella e che rischi comporta per la salute umana?

Tutto quello che c’è da sapere sulla salmonella è già stato trattato da CheCucino in modo accurato in un nostro precedente articolo dove davamo notizia sulla sua origine e contagiosità, nonché il pericolo per la salute umana.

PER NON PERDERTI NESSUN AGGIORNAMENTO SEGUICI SUL NOSTRO INSTAGRAM

batterio salmonella effetti rischi
Il batterio della salmonella visto al microscopio (Kateryna_Kon da Adobe Stock Photo)

La Salmonella si manifesta in pochi giorni con sintomi quali diarrea, dolore addominale e occasionalmente vomito e leggera febbre, che di solito regrediscono da soli in alcuni giorni. Neonati, bambini, anziani e persone con un sistema immunitario indebolito possono sviluppare sintomi più gravi. In caso di sviluppo di uno di questi sintomi, consultare il medico indicando una possibile infezione da Salmonella.

Questo batterio si scatena in concomitanza con l’aumento delle alte temperature che contribuiscono alla proliferazione batterica. Mentre invece quali sono i cibi a rischio di contrarre Salmonella ne abbiamo parlato lungamente nell’articolo indicato al link.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @haccpsystemgroup

Inoltre ricordiamo che il contagio può avvenire non solo con l’assunzione di alimenti contaminati, ma anche attraverso utensili e superfici in cui si cucina o l’ingestione di acqua (contaminata).