Sapete cosa mangia Bianca Atzei prima di ogni concerto? È uno dei suoi piatti preferiti – FOTO

Cosa mangiano i cantanti prima di ogni esibizione? Cambia molto dai gusti personali, la Atzei non rinuncia mai a questa prelibatezza tutta montana. 

Bianca Atzei mangia fonduta prima di ogni concerto
Bianca Atzei (Foto Instagram)

La cantante Bianca Atzei, pseudonimo di Veronica Atzei, ieri sera si è esibita presso il circolo milanese Arci Bellezza in via Giovanni Bellezza 16/a a sud del metropoli lombarda.

Un concerto con pochissime persone in vista del prossimo tour in giro per l’Italia che invece partirà con la prima data il 23 aprile da Crema. Quindi quello di ieri è stato solo una prova per riscaldare la voce in vista del grande debutto che in molti aspettano con visibile trepidazione.

Prima di recarsi però nel teatro, Bianca ed il fidanzato Stefano Corti sono stati il fine settimana presso lo Chalet al Foss AlpResort di Vermiglio in provincia di Trento nel Parco Nazionale dello Stelvio.

Qui la cantante classe 1987 ha scelto di rifocillarsi con uno dei piatti che forse ama più di ogni altro in assoluto e che ci ha già mostrato molte volte nelle sue stories. Si tratta delle fonduta di formaggio con crostini di pane croccante che adesso noi di CheCucino andiamo fedelmente a replicare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Chips croccanti di polenta con fonduta, gli amici ringrazieranno

Ingredienti e preparazione dell fonduta di formaggi con crostini di pane

La fonduta deriva direttamente dalla cucina dello chef Francesco Germani conosciuto anche per importanti esperienze con grandi imprenditori sia in Italia che all’estero (Saint Moritz, Ibiza, Montecarlo e Il Cairo) e collaborazioni con Stellati del calibro di Pietro Leeman ed Enrico Bartolini.

Bianca Atzei
Fonduta di formaggio con crostini (screen Instagram)

Sul sito dell’Hotel leggiamo anche un’esaustiva celebrazione del menù presente: “Al centro del menù si trova proprio l’esaltazione dei sapori locali con una estrema cura e ricercatezza delle materie prime: dai salumi di nostra produzione affumicati al legno di pino mugo e ginepro ai formaggi stagionati nel fieno maggengo“.

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 200 g di Fontina Dop
  • 200 g di Emmental Dop
  • 200 g di Gruyère Dop
  • 50 g di burro
  • 300 ml di latte intero
  • 4 tuorli d’uovo (per l’utilizzo degli albumi avanzati vi rimandiamo alla ricetta dei baci al cocco)
  • Sale e pepe qb.
  • Pane casereccio qb.

+ NB. Il consiglio che vi diamo è quello di variare molto nella scelta dei formaggi senza lattosio. Usate ad esempio del Piave Dop, del Montasio Dop oppure del Pecorino Sardo Dop il modo da compensare la consistenza ed il grado si sapidità.

PREPARAZIONE (circa 12 min 2 ore riposo)

Eliminare la crosta dei formaggi e poi con una grattugia con i fori larghi ridurli in pezzetti molto piccoli. Riporre i formaggi grattugiati poi in un pentolino capiente a doppio fondo con il latte e riporre in frigo a riposare per circa 2 ore.

Trascorso il tempo indicato inserire il pentolino all’interno di un altro più ampio per la cottura a bagnomaria. Accendere il fuoco a livello medi-basso e mescolare con un cucchiaio di legno per circa 5 minuti, quando il composto avrà preso calore unire anche il burro a pezzettoni.

A parte sbattere i tuorli con una forchetta assieme al sale e pepe, aggiungerli quindi alla fonduta sul fuoco e mescolare per altri 5-8 minuti finchè il composto non inizierà ad addensare leggermente.

Per una buona riuscita della fonduta è fondamentale che il composto non raggiunga mai il bollore, in modo da ottenere una consistenza molto filante.

ricetta antispreco pizza di pane
Pane raffermo o integrale fresco (foto da Pixabay di TiBine)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Cipolle ripiene di fonduta di Taleggio Dop, entrée sublime

Servire con pane casereccio di montagna (meglio se multi cereale) abbrustolito leggermente in forno poco prima di essere servito e poi tagliato a pezzettoni facili da inserire con la forchetta all’interno del pentolino della fonduta.

Questa da tradizione deve essere riposta sul tavolo al centro di tutti i commensali affinché tutti vi si possano servire autonomamente.